Politica e standard

Politica e standard

L'abuso sessuale è sempre sbagliato e i frati della Provincia del Santissimo Nome di Gesù (Provincia Domenicana Occidentale) non tollereranno né condoneranno tale cattiva condotta da parte di uno dei suoi membri, né di chiunque altro, clero o laico, serva nei nostri ministeri o vivere in una delle nostre comunità. Ci impegniamo a salvaguardare il popolo di Dio, specialmente i più vulnerabili serviti nei nostri ministeri. Questo impegno della Provincia è iniziato con le nostre prime politiche per la protezione dei bambini e per rispondere alle denunce di abusi sessuali su minori nel 1989, e si estende in particolare a coloro che potrebbero essere stati vittime di un frate. Ci impegniamo a lavorare con queste vittime per offrire qualunque assistenza pastorale o clinica possa essere necessaria per aiutarle nel loro recupero. Abbiamo aderito alla Carta per la protezione dei bambini e dei giovani della Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti sin dalla sua promulgazione nel 2002 e alle Norme essenziali per le politiche diocesane/eparchiali relative alle accuse di abusi sessuali sui minori da parte di sacerdoti o diaconi da quando è diventata particolare legge negli Stati Uniti nel 2006. Le seguenti sono le politiche della provincia dominicana occidentale:

Screening dei candidati
Tutti i candidati per l'ammissione al programma di formazione della provincia sono sottoposti a un accurato processo di screening che include:
• Un controllo dei precedenti penali in ogni stato e contea in cui il candidato ha risieduto negli ultimi sette anni e un controllo del registro nazionale dei reati sessuali;
• Una valutazione psicologica che includa una storia psico-sessuale condotta da uno psicologo autorizzato o da un professionista della salute mentale autorizzato con particolari abilità nel condurre storie psico-sessuali e nella valutazione della salute psico-sessuale in preparazione per una vita di castità celibe;
• Una revisione dei contenuti pubblicamente accessibili su tutti i social media, blog personali e siti web associati agli account controllati dal candidato;
• Un minimo di tre referenze personali (di cui almeno una di un familiare) e due referenze professionali per un totale di cinque referenze e sei colloqui faccia a faccia.

Formazione di uomini in formazione
• Otto anni di formazione che comprendono la formazione alla corretta integrazione della sessualità umana, lo sviluppo della virtù della castità e le valutazioni annuali;
• Un programma di formazione iniziale in protezione dell'infanzia (Armatus) all'inizio della formazione e dell'istruzione continua e della formazione sull'ambiente sicuro ogni anno;
• I novizi ei fratelli studenti di altre province che sono in formazione nella nostra Provincia sono tenuti a completare tutti i corsi necessari per soddisfare l'accreditamento della Provincia riguardo alla formazione in ambiente sicuro per i bambini e gli adulti vulnerabili;
• Rassegna annuale della Politica per l'Ambiente Sicuro della provincia con il maestro degli studenti e gli altri frati in formazione.

Formazione continua dei frati
I frati che non sono più in formazione iniziale (cioè che sono stati ordinati o che sono fratelli cooperatori [non ordinati]) continuano a seguire una formazione regolare per tutta la vita. In particolare sono richiesti:
• leggere articoli trimestrali forniti da Virtus, un programma di buone pratiche volto a identificare e prevenire abusi sessuali e violazioni dei confini ea promuovere la salute spirituale, fisica ed emotiva tra i membri delle comunità religiose;
• partecipare e completare tutta la formazione di tutela richiesta dalla diocesi in cui vivono e operano;
• rivedere annualmente come comunità locale la Politica Provinciale per l'Ambiente Sicuro sotto la direzione del Superiore locale;
• studiare, individualmente o come comunità, altri materiali forniti dalla direzione dell'Ispettoria sulla pastorale delle vittime, l'impatto degli abusi sulle vittime, nonché sulla formazione di sane relazioni personali e ministeriali.

Segnalazione di cattiva condotta e supporto
• Se hai subito abusi sessuali da bambino, informa le forze dell'ordine locali e segnala tale abuso.
• Se hai bisogno di assistenza perché sei stato abusato da un frate domenicano occidentale o hai dubbi sul comportamento di uno dei nostri frati, contatta il nostro Vicario provinciale, p. Michael Fones, OP at (510) 658-8722 int. 306, oppure socius@opwest.org.

Rispondere ai reclami
• Tutte le denunce, senza eccezioni, vengono immediatamente segnalate alle forze dell'ordine competenti e alla diocesi locale, indipendentemente dalla loro apparente credibilità, comprese le denunce anonime e le denunce contro i frati deceduti.
• Il Vicario provinciale si offre di incontrare o fare una telefonata con la persona che ha presentato la denuncia insieme alla rappresentante dell'assistenza alle vittime della provincia, la signora Barbara Daniels. Chiunque faccia un'accusa sarà trattato con rispetto e si coglierà ogni opportunità per assicurarsi che questa difficile esperienza non lo ritrauma.
• La Provincia offre assistenza finanziaria per la consulenza avvalendosi di un consulente scelto dal denunciante; se richiesto, viene offerto un ulteriore impegno pastorale al denunciante e ai membri della sua famiglia.

Indagine
• Per proteggere i diritti e la dignità sia della vittima che di coloro contro i quali sono state avanzate accuse, la Provincia risponderà prontamente a tutte le accuse di abuso sessuale mosse contro i suoi frati e indagherà su di esse a fondo.
• Investigatori privati indipendenti, agenti delle forze dell'ordine in pensione o investigatori associati a Praesidium, la nostra agenzia di accreditamento, indagheranno su qualsiasi accusa contro un frate ancora in vita e potranno essere utilizzati nei casi in cui il frate sia deceduto.
• Se in qualsiasi momento viene avviato un procedimento civile o penale contro il frate imputato o contro la Provincia, il Priore provinciale sospende immediatamente il procedimento della Provincia. In tutti gli altri casi, il Comitato di revisione provinciale indipendente riceverà i risultati scritti dell'indagine completa.

Consiglio di revisione della provincia
• Il Comitato di revisione della Provincia è stato istituito allo scopo di consigliare il Priore provinciale sulla veridicità delle accuse di abusi sessuali contro i frati della Provincia, sulla cura dei frati permanentemente rimossi dal ministero pubblico, sui piani di sicurezza, sull'ambiente sicuro della provincia Policy, sull'adempimento degli Standard di Accreditamento del Praesidium e su altre questioni in cui il Priore provinciale desidera consultare il Consiglio.
• La Commissione Provinciale di Revisione è composta da almeno cinque membri: due frati e tre laici, di cui almeno due donne. I membri si impegnano a prevenire gli abusi sessuali ea proteggere le vittime e le potenziali vittime di abusi sessuali. I membri laici hanno esperienza nella gioventù (come genitore, ministro o educatore), nella psicologia o nel diritto canonico e civile pertinente.
• I membri del Consiglio hanno accesso a tutti i documenti relativi a ogni reclamo ricevuto e assicurano che la Provincia rispetti il diritto civile e il diritto della Chiesa. Hanno anche studiato i seguenti documenti: a) la Carta per la protezione dei bambini e dei giovani della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti, b) le norme essenziali per le politiche diocesane/eparchiche che trattano le accuse di abusi sessuali sui minori da parte di sacerdoti o diaconi, c) la Dichiarazione dell'Assemblea della Conferenza dei Superiori Maggiori Maggiori degli Uomini (CMSM) del 2002, d) gli Standard di Accreditamento CMSM, e) la Politica dell'Ambiente Sicuro della Provincia Dominicana Occidentale, e f) la Politica di Conservazione dei File della Provincia Domenicana Occidentale.
• Dopo aver ricevuto i risultati scritti dell'indagine completa, il Consiglio di revisione della Provincia esamina il caso e consiglia al Priore provinciale se l'accusa è stata fondata. Il Collegio consiglia inoltre al Priore provinciale ogni ulteriore misura cautelare che ritenga necessaria per la tutela dei minori o degli adulti vulnerabili.

Tolleranza zero
• Ogni frate accusato di abuso sessuale di un minore o di un adulto vulnerabile viene posto in congedo amministrativo mentre si indaga sulla denuncia.
• Nessun frate con un'accusa accertata di abusi sui minori sarà mai più ammesso al ministero pubblico in nessuna circostanza.
• Qualsiasi candidato o frate in formazione iniziale che sia accusato in modo credibile o che mostri comportamenti inappropriati nei confronti dei bambini sarà dimesso dalla Provincia.

Altre risorse
• Lettera di Papa Francesco alla Chiesa sugli abusi sessuali sui minori
• Lettera Motu Proprio di Papa Francesco Vos Estis Lux Mundi (Tu sei la luce del mondo)
Questa lettera, pubblicata su iniziativa di Papa Francesco, stabilisce nuove norme procedurali per combattere gli abusi sessuali e per garantire che vescovi e superiori religiosi siano ritenuti responsabili delle loro azioni
• Carta per la protezione dei bambini e dei giovani (a volte chiamata “Carta di Dallas”)
La Carta per la protezione dell'infanzia e dell'adolescenza è stata approvata nel 2002 dai vescovi della Conferenza cattolica degli Stati Uniti. L'ultima revisione è stata approvata a giugno 2018.
• Statuto para la Protección de Niños y Jóvenes
• Fatti sulla Carta Clicca qui
• Politica sull'ambiente sicuro della provincia dominicana occidentale: minori e adulti vulnerabili: Clicca qui
Questa politica è stata aggiornata e approvata l'ultima volta dal Consiglio provinciale nel maggio 2020.
• Sintesi della storia di salvaguardia della Provincia Clicca qui