Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Una storia di due oceani

“Tutto l'oceano del grande Nettuno laverà questo sangue dalla mia mano? No, questa mia mano preferirà incarnadine i moltissimi mari, rendendo rossa quella verde.” — Macbeth (Atto II, Sc. II).

Niente ci perseguita tanto quanto una coscienza sporca. Il peccato apre un buco ontologico nella nostra natura; in risposta, la nostra natura respinge il peccato come gli anticorpi che rigettano un organo estraneo. Il peccato non si addice alla nostra dignità di figli di Dio. Come nel caso di Macbeth, la nostra colpa ci perseguita e continuerà a perseguitarci per l'eternità se non saremo perdonati. Eppure quante volte ci nascondiamo e ci copriamo di foglie di fico? O ci vergogniamo troppo per farci avanti o siamo troppo orgogliosi anche solo per ammettere la nostra impotenza. In entrambi i casi, ci aggrappiamo ai nostri peccati rimanendo lontani da Colui che può perdonarci. Questa non è altro che la tattica del nemico per separarci dall'amore di Dio.

Nella nostra condizione attuale, cadremo molte volte. Eppure, per noi cattolici, il Signore ci ha fatto il suo grande dono: la sua infinita misericordia conferitaci attraverso il Sacramento della Riconciliazione. Quanto è facile per noi dimenticare che nostro Signore è Dio e che desidera la nostra felicità infinitamente più di noi stessi? Ogni volta che mi dimentico del suo amore, cerco sempre di ricordare come mi aveva mostrato il suo amore.

Da bambino, mio ​​nonno è sempre stato una figura paterna per me. La sua gentilezza e pazienza hanno un tale effetto su di me che non vorrei mai offenderlo o ferire i suoi sentimenti. Ma c'è stato un episodio che ricordo ancora vividamente quando l'ho offeso seriamente. Avevo dodici anni. Una mattina abbiamo litigato. Anche allora, sapevo di essere irragionevole. Tuttavia, ero testardo e non mi tiravo indietro, e questo dispiacque così tanto a mio nonno che non parlammo affatto mentre andavamo a scuola. Ma anche prima che mi lasciasse a scuola, avevo cominciato a pentirmi di quello che avevo fatto. Ho visto la tristezza sul viso di mio nonno quando gli ho fatto del male, e sapevo che dovevo scusarmi. Quindi, ho provato nella mia testa più e più volte cosa gli avrei detto quando sarebbe venuto a prendermi.

Ora immagina questo: mio nonno di solito mi portava su una bicicletta dove c'era un piccolo sedile posteriore attaccato; Quasi quasi lo abbraccerei come un orso mentre andava avanti in bicicletta. Dopo che i pensieri si sono ammuffiti nella mia mente per così tanto tempo, ho pensato di essere pronta. Ma non lo ero. Ci sono stati dubbi all'improvviso. Ogni volta che volevo parlare, qualcosa sembrava ostruirmi la bocca.

Questo silenzio è durato per l'intero viaggio in bicicletta fino a casa fino a quando non ci siamo finalmente avvicinati al nostro appartamento. Poi, all'ultimo turno, ho finalmente parlato: "Nonno, mi dispiace per quello che ho fatto stamattina". In qualche modo, mentre mi scusavo, ero certo che mi avrebbe perdonato. Non dimenticherò mai la gioia che ho provato quel giorno e il sorriso sul suo volto quando siamo scesi dalla moto. Sembrava aver dimenticato tutto quello che è successo e ha cominciato a chiedermi cosa avrei voluto mangiare per cena.

Ogni amore umano non è che un'immagine di quell'Amore che è al di là della nostra comprensione. Così, mi chiedo spesso, se un padre terreno mi ama così, quanto più ci deve amare il nostro Padre celeste? Non c'è motivo di dubitare. L'oceano di Nettuno non può lavare via i nostri peccati, ma l'oceano di Dio può. L'oceano di Nettuno rappresenta ogni possibile modo che costruiamo per sopprimere la nostra colpa; ci nascondiamo come un pesce spaventato, ma non c'è nascondiglio nell'oceano di Dio. Tutti i nostri peccati si dissolvono come una goccia d'acqua. Nell'oceano di Dio, l'anima nuota liberamente, perché come dice Santa Caterina, sottomettendosi, è unita a Dio.

"L'anima è dunque in Dio, e Dio nell'anima, come il pesce è nel mare e il mare nel pesce".

fr. Xavier Marie Wu, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI