Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Avvento: tempo di vigile preparazione

In questo momento tra il Ringraziamento e il Natale, mentre i canti stanno già suonando, il nostro calendario liturgico attraversa il suo passaggio: la fine del tempo ordinario e l'inizio dell'Avvento. I miei ricordi d'infanzia dell'essere cresciuto in una casa cristiana aconfessionale sono tristemente scacciati via mentre il viola viene messo al posto del verde, celebrando questa anticipata stagione dell'Avvento piuttosto che entrare immediatamente nello spirito dell'allegria natalizia. La tua famiglia, i tuoi amici e i tuoi colleghi non cattolici potrebbero anche non riconoscere la parola se gliel'hai menzionata, per non parlare del suo significato religioso.

Per me l'Avvento sembra sempre una stagione che in realtà non è una stagione. Ma forse questo ha senso: l'Avvento è un grande indicatore spirituale. Proprio come Giovanni Battista indica Gesù e non se stesso, il focus dell'Avvento è meno su se stesso, e più sul condurci al Natale. “Preparate la via del Signore, spianate nel deserto una strada maestra per il nostro Dio” (Isaia 40:3).

All'inizio di questo tempo di Avvento, prendiamo i Magi come guida per il cammino verso il Natale. Sebbene tutta la loro storia sia ben nota – dal loro viaggio a Betlemme, l'incontro con Erode, il ritrovamento della Sacra Famiglia e infine la fuga per un'altra strada – voglio concentrarmi su due aspetti particolari della loro odissea.

Innanzitutto, per aver visto la stella, dovevano aver cercato. Ogni anno il Vangelo della prima domenica di Avvento esprime un tema comune di vigilanza: prestare attenzione e tenersi pronti. La nostra lettura di quest'anno ha parlato di segni apocalittici ed eventi calamitosi che segnalano la fine del mondo. Più che essere terrorizzati dalla fine del mondo, la nostra lettura del Vangelo di Luca annuncia una grande speranza: “...la tua redenzione è vicina” (Lc 21). Questo è il secondo aspetto della storia dei Magi. Credevano che questo segno significasse una buona notizia per loro. La loro speranza in ciò che avrebbero trovato a destinazione li ha spinti a intraprendere l'arduo viaggio.

Questo è il nostro primo compito spirituale di preparazione: osservare i segni dei nostri tempi con fiduciosa attesa. Dedichiamo un po' di tempo a riflettere sui vari segni della nostra vita, sia buoni che cattivi. Quali sono i peccati e i fallimenti che ho commesso? Lasciamo che questi siano segni che ci indichino a rivolgerci a Dio per la sua misericordia. Quali sono le grandi cose che Dio ha fatto nella mia vita? Questi siano i segni della sua provvidenza e cura per noi. Con la fede nella misericordia e nella cura di Dio, possiamo camminare deliberatamente nella speranza verso la venuta del nostro Salvatore, sia in questo Natale, sia alla fine dei tempi.

-Br. Cody Jorgensen, OP

Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI