Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Un'Epifania d'Amore

porteranno oro e incenso,
e proclamerà la lode del Signore. (Is 60)


Questo versetto si trova alla fine della nostra prima lettura di domenica scorsa, festa dell'Epifania. Chiaramente va letto nel contesto della lettura del Vangelo:

Si prostrarono e gli resero omaggio.
Poi hanno aperto i loro tesori
e gli offrì in dono oro, incenso e mirra. (Mt 2)


Epifania deriva da una parola greca che significa "apparenza" o "manifestazione". Che glorioso evento! Appare il Re dei Re, che dimora tra gli uomini. Quale dovrebbe essere la nostra risposta? I magi ci danno un indizio: si prostrarono davanti a Lui e Gli offrirono doni.

I regali sono un tema così centrale durante questa stagione, ed è molto appropriato. Dio è il donatore di tutte le cose. Anche la nostra stessa esistenza è un dono di Lui. Egli non solo preserva la nostra esistenza, ma anche quando lo tradiamo e ci opponiamo, ci manda il suo Figlio unigenito per salvarci. Questo è il dono più grande di tutti. Questo è esattamente ciò che celebriamo durante questa gioiosa stagione del Natale.

Quindi, come possiamo rispondere quando Dio Onnipotente ci invia un dono così inestimabile? Egli è onnipotente e tutto perfetto, non manca di nulla, eppure ha svuotato se stesso e ha preso la natura umana per morire per noi e redimerci. Inoltre, non abbiamo fatto nulla per guadagnarci questo dono. I veri doni sono liberamente dato. Era un "gratis" espressione del Suo sconfinato amore per noi. Non abbiamo pagato per questo; lo riceviamo solo, ringraziando in cambio. Infatti, il concetto teologico di grazia è legato all'idea di un dono, liberamente (Libero) dato.

Sin da quando ero bambino, fare regali è stato così intimamente legato alla mia idea di Natale. Mentre c'è un preciso pericolo di secolarizzare il Natale in una festa materialistica, penso che la tradizione del dono possa potenzialmente insegnarci una lezione importante: amare. Questo allontanamento da noi stessi e verso l'altro è un prerequisito per il dono.

La cosa più importante del fare un regalo è l'amore che trasmette. Vogliamo naturalmente condividere le cose belle che sperimentiamo con coloro che amiamo. Il dono mi sembra un modo privilegiato per diventare come Dio, che non è solitario, ma comunità di tre persone unite nell'amore.

Carissimi, amiamoci gli uni gli altri; poiché l'amore è da Dio e chi ama è nato da Dio e conosce Dio. Chi non ama non conosce Dio; perché Dio è amore. In questo si è manifestato tra noi l'amore di Dio, che Dio ha mandato il suo Figlio unigenito nel mondo, perché noi vivessimo per mezzo di lui. In questo sta l'amore, non che noi abbiamo amato Dio, ma che Egli ha amato noi e ha mandato suo Figlio per essere l'espiazione dei nostri peccati. Carissimi, se Dio ci ha amati così, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri. Nessun uomo ha mai visto Dio; se ci amiamo gli uni gli altri, Dio dimora in noi e il suo amore si perfeziona in noi. (1 Giovanni 4:7-12)

Se davvero ci amiamo l'un l'altro nel modo in cui Egli ha modellato per noi in Gesù, potremmo sperimentare una sorta di Epifania - una manifestazione di Dio - dentro di noi!


fr. Francis Dominic Nguyen, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI