Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

E alla polvere ritornerai

Perché polvere sei e in polvere ritornerai (Gen 3).

Quasi tutti sono d'accordo con questa frase indipendentemente dalle loro opinioni o credenze religiose. A meno che non siamo vivi per la Seconda Venuta, ognuno di noi deve morire un giorno. A volte la morte ci viene incontro come un ospite indesiderato, terribile e schietto. Recentemente, ho letto una lettera aperta di una ventisettenne di nome Holly, che stava morendo di cancro alle ossa. Ha scritto 27 ore prima della sua morte:

“È una cosa strana rendersi conto e accettare la propria mortalità a 27 anni. Questa è la cosa della vita; È fragile, prezioso e imprevedibile e ogni giorno è un dono, non un diritto dato. […] Da quando sono stata malata, ho incontrato le persone più generose e gentili e ho ricevuto le parole più premurose e amorevoli e il sostegno della mia famiglia, dei miei amici e degli estranei. […] Sento persone che si lamentano di quanto sia terribile il lavoro o di quanto sia difficile fare esercizio […] Giuro che non penserai a queste cose quando sarà il tuo turno. È tutto così insignificante quando guardi la vita nel suo insieme...”

Devo ammettere che sono stato commosso dalle sue parole. La morte di una donna di tre anni più giovane di me solleva molte domande e riflessioni nel mio stesso cuore. Mi sono reso conto di quanto spesso attribuisco grande importanza alle cose non essenziali. Grazie a lei, mi è stato ricordato ancora una volta quanto sia importante riconoscere la meta verso la quale ci stiamo dirigendo. Come cristiani, crediamo che la vita non si limiti solo a questa prospettiva terrena.

Nel corso della nostra vita, ci poniamo piccoli obiettivi attraverso i quali organizziamo e subordiniamo le nostre azioni. In tutto questo, potremmo non prestare molta attenzione al nostro obiettivo finale: la nostra salvezza. Dobbiamo riconsiderare regolarmente se la nostra vita è interamente orientata a questo obiettivo. Se tutta l'eternità dipende dalla nostra breve vita sulla terra, allora la questione della nostra fede e del rapporto con Dio dovrebbe sempre occupare il primo posto nella nostra vita. Gesù ci dice qual è la cosa più importante nella nostra vita: "Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente... Amerai il tuo prossimo come te stesso" (Matteo 22:37,39). In questo dovremmo investire principalmente le nostre energie. Questa è la fonte attraverso la quale amiamo sempre più profondamente gli altri e noi stessi. Questa è la fonte della vera pace nella nostra vita.

La Quaresima è il tempo della penitenza e della riparazione dei nostri peccati. Con il nostro digiuno e penitenza, facciamo spazio nel nostro cuore per incontrare Dio. La Quaresima è anche un buon momento per ripensare alle priorità e agli obiettivi che cerchiamo di seguire. È un buon momento per guidare di nuovo la nostra vita sulla giusta rotta. “Perché dov'è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore” (Mt 6).


fr. Andrzej Monka, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI