Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Essere ancora

Quando si tratta di tempo libero, molti di noi tendono ad associarlo al tempo trascorso non lavorando o studiando, facendo ciò che ci piace. In altre parole, il tempo libero è libero dal lavoro e autoindulgente. Vediamo questa nozione di tempo libero nella nostra cultura, in cui tutti devono avere le mani occupate tutto il tempo - devono lavorare, fisicamente o intellettualmente, per garantire la loro sopravvivenza, con il risultato che il tempo libero o le attività del tempo libero sono visti come superflui o riservato solo a chi se lo può permettere. Ciò è particolarmente vero nel nostro ambiente accademico. Mentre noi fratelli studenti verso la fine del nostro semestre, la domanda che sentiamo più frequentemente è: "Hai già finito (con i tuoi documenti)?" o, in altre parole, "Sei un uomo di svago adesso?" Il tempo libero è visto come libertà dallo studio, da incarichi o compiti e da tutti gli altri lavori.

Un comune proverbio americano afferma: "Tutto lavoro e niente divertimento rendono Jack un ragazzo noioso". La sua implicazione è che passare tutto il tempo a lavorare non è uno stile di vita sano; anche il relax è importante. Se il lavoro, in generale, riguarda l'attività, il dovere, il compito, l'uso della forza, la forza fisica o il potere mentale, il tempo libero riguarda di conseguenza il rilassamento, una pausa o una fuga da queste cose, o qualcosa di piacevole che anticipiamo alla fine del nostro sforzo, ma che ci prepara per più lavoro. Tuttavia, questo non è necessariamente il caso.

Josef Pieper, nel suo libro Tempo libero: la base della cultura, scrive che: “Il tempo libero non è per il lavoro, per quanta forza nuova possa trarne colui che riprende a lavorare; il tempo libero nel nostro senso non è giustificato fornendo rinnovamento fisico o anche ristoro mentale per dare nuovo vigore a ulteriori lavori, anche se in effetti porta tali cose”. Il tempo libero, invece, ha un valore intrinseco che non dipende da espressioni estrinseche come vacanze, escursioni o attività piacevoli. In effetti, queste cose non sempre portano allo svago. Il tempo libero non è sinonimo di cessazione del lavoro, ma è piuttosto un lavoro di un altro tipo, un lavoro legato alla celebrazione della nostra distinta esistenza sulla terra. Cosa c'è nella nostra esistenza che è unicamente umana? Celebrando la nostra esistenza, realizziamo il nostro tempo libero attraverso gli eventi della nostra vita e attraverso le nostre relazioni con i nostri vicini e con Dio. Se ogni giorno è una celebrazione di questo, saremo sempre uomini di svago.

“Taci, e sappi che io sono Dio”, dice Salmo 46:10. "Stare fermi" o "cessare lo sforzo", a seconda della traduzione biblica, non significa semplicemente smettere di lavorare o lottare, ma piuttosto lavorare e lottare in un'altra forma. È un comandamento per prepararsi ad ascoltare la voce più serena di Dio che sussurra nel nostro cuore dall'eternità, e poi a rispondervi nella nostra vita. Nella quiete, ascoltiamo, contempliamo, contempliamo e celebriamo il tempo libero della nostra esistenza significativa.


fr. Phong Nguyen, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI