Sostieni i Fratelli Studenti Domenicani donando a domenica del rosario!

IDENTITÀ CRISTIANA

FR. Bruno Cadoré, già Maestro dell'Ordine dei Predicatori, durante le sue visite canoniche, solitamente chiedeva ai frati: “Qual è la tua identità?” “Cosa distingue te, la tua comunità, dalle altre comunità religiose?” "Cosa è unicamente tuo che puoi offrire per il popolo di Dio?" In altre parole, "Quale fattore fa di te un domenicano?"

Si può rispondere semplicisticamente che è l'abito che indossiamo. Ma evidentemente il Maestro dell'Ordine cercava una risposta seria, che venisse dalla profonda riflessione di ogni membro, di ogni comunità dell'Ordine.

Tuttavia, indipendentemente da come ogni individuo o comunità definisse la propria identità domenicana, una cosa era chiara: l'identità che ne veniva fuori doveva essere così fondamentale che, da esso, altri potrebbero riconoscere che sono dominicani.

Anche se questo post sul blog non ha lo scopo di discutere l'identità dei domenicani, vorrei usare l'idea della fondamentalità dell'identità per parlare dell'identità del cristiano. Prima di essere domenicano, si è prima di tutto cristiano. E se l'identità è così fondamentale, così critica per un domenicano, che dire dell'identità di un cristiano? Non è ancora più essenziale, più critico?

E se l'identità è cruciale per riconoscersi come domenicano, qual è il fattore? con quale altri ci identificano come cristiani, come seguaci di Cristo?

La tentazione è quella di dare una risposta superficiale, come si darebbe a casaccio alla domanda sull'identità di un domenicano. E si può pensare a qualcosa del tipo: "Digiuno due volte alla settimana e pago la decima su tutto il mio reddito" (cfr Luca 18:12).

Ancora una volta, qui abbiamo bisogno di una risposta molto più profonda. Ma non dobbiamo riflettere molto per trovarne uno perché nostro Signore, Gesù Cristo, ci ha già dato la risposta diretta. Nel Vangelo di Giovanni, prima di lasciare i suoi discepoli per intraprendere il cammino della sua passione e morte, nostro Signore dice: "Ecco come tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri" (Gv 13). ).

Sì, è l'amore reciproco che definisce l'identità del cristiano. È amore con quale altri ci riconoscono come seguaci di Cristo, suoi discepoli.

Eppure non è un qualsiasi tipo di amore, ma il tipo con cui nostro Signore ci ha amati. E come ci amava? È stato dando la sua vita per noi, e semplicemente non c'è amore più grande di questo. (cfr Gv 15).

In questo tempo quaresimale vorrei che riflettessimo sulla nostra identità cristiana. Se ci definiamo cristiani, allora abbiamo bisogno di amarci gli uni per gli altri con il tipo di amore che nostro Signore ha per noi. Questa è la nostra identità cristiana. È ciò per cui gli altri sanno che siamo discepoli di Cristo.






fr. Martin Maria Nguyen, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI