Corso accelerato: come discernere la propria vocazione

Ho passato diversi anni a discernere la mia vocazione prima di entrare nell'Ordine. Nonostante lo stress e l'incertezza, il processo di discernimento è stato incredibilmente pieno di grazia. Ho imparato molto su Dio e me stesso, acquisendo una saggezza pratica che si è rivelata molto fruttuosa. Sulla base di questa esperienza, vorrei condividere alcuni suggerimenti per chiunque discerna una vocazione al sacerdozio o alla vita religiosa:

1. Preghiera e purificazione. Il discernimento è una preghiera. Bisogna avvicinarsi al Signore nella preghiera per percepire con fiducia verso che cosa potrebbe portarvi. Leggere la Sacra Scrittura, frequentare la Messa il più spesso possibile e passare del tempo davanti al Santissimo Sacramento sono gli aspetti più essenziali del discernimento. L'avvicinamento a Dio purifica i nostri desideri e le nostre intenzioni rendendoci più docili all'opera dello Spirito Santo.

2. Trova un buon direttore spirituale. Nessuno discerne da solo la propria vocazione. Hai bisogno di una guida saggia, santa e imparziale che ti aiuti nel processo di discernimento. Un buon direttore spirituale è in grado di aiutarti a vedere cose di te stesso e del tuo processo di discernimento, a cui sei totalmente cieco. I direttori spirituali possono anche affermare quei momenti in cui pensi che il Signore ti abbia parlato della tua vocazione.

3. Sii onesto sui tuoi desideri. Molti giovani uomini e donne della mia generazione lottano di più con questa parte del discernimento. Spesso siamo troppo diffidenti e sospettosi dei nostri desideri e desideri più profondi. Tendiamo a pensare che qualunque cosa desideriamo debba essere esattamente ciò che fa Dio non vuoi che facciamo. Questo non potrebbe essere più lontano dalla verità! Dio rivela spesso la Sua volontà attraverso le i nostri desideri, purché buoni e santi. Essere onesti su ciò che desideri per la tua vita (sia con te stesso che con il tuo direttore spirituale) è una parte indispensabile del discernimento.

4. Non lasciare che i tuoi peccati ti trattengano. La vergogna è il più grande ostacolo nel discernimento. Il peccato oscura naturalmente il nostro senso di giudizio, ma la vergogna può condurci in un'insidiosa nuvola oscura di dubbio che ci rende totalmente ciechi all'opera del Signore nella nostra vita. Lottare con il peccato (anche grave) è comune a ogni persona che discerne una vocazione. Ciò che conta è che tu riconosci i tuoi peccati e lo sei facendo qualcosa a proposito. Vai a confessarti e "ricomincia!"

5. Azione passi. Il discernimento si riduce all'azione prudente e coraggiosa. Devi agire per sapere cosa sei e cosa sei non chiamato a. Lascia che la provvidenza di Dio ti guidi e presta attenzione alle porte che ti apre. Ricorda che la delusione e il rifiuto sono molto utili. Non lasciare che le battute d'arresto ti impediscano di esaminare altre opzioni. Così il Signore ci conduce alla giusta vocazione. Devi semplicemente fidarti!

Questi suggerimenti non sono esaustivi, ma sono un ottimo punto di partenza. Prego che tu li trovi utili. Deus fornirebit!

fr. Diego María Carrasco, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI