Sostieni i nostri fratelli studenti donando a domenica del rosario

Gesù aveva fratelli?

Un giorno, durante la mia infanzia, mia madre ed io stavamo assistendo alla Messa quotidiana. Durante la lettura del Vangelo il sacerdote ha proclamato un brano di Matteo che descrive la gente della città natale di Gesù come reagisce ai suoi insegnamenti e miracoli: “Hanno chiesto: non è questo il figlio di falegname? Il nome di sua madre non è Maria e i suoi fratelli non sono Giacomo, Giuseppe, Simone e Giuda?». (Matteo 13:55). Sentendo questo sono rimasto scioccato. Mia madre mi aveva insegnato che Maria era una vergine perpetua e che Gesù era il suo unico figlio. Questo passaggio sembrava contraddire l'insegnamento della Chiesa cattolica sulla verginità di Maria. Quando il sacerdote ha terminato il Vangelo e ha iniziato a predicare la sua omelia, ho aspettato con ansia che affrontasse questo problema urgente. Tuttavia, con mio grande sgomento, il problema non è stato menzionato. Ho finito per mettere da parte la domanda per rivisitarla in seguito.

Anni dopo fui indirizzato a un altro testo del Vangelo di san Matteo. Qui Gesù è stato appena crocifisso e Matteo nomina le donne che lo seguirono fino alla morte: “Maria Maddalena e Maria la madre di Giacomo e Giuseppee la madre dei figli di Zebedeo» (Matteo 27:56). Qui vediamo Giacomo e Giuseppe (due degli uomini chiamati fratelli di Gesù) come figli di un'altra Maria. Se questa Maria fosse la madre di Gesù, non avrebbe senso per l'evangelista identificare in lei la madre dei personaggi minori e non quella principale. Quindi, possiamo supporre che questi due uomini non fossero fratelli di sangue di Gesù, e che il termine del Nuovo Testamento "???????" (fratelli) ha un uso più ampio di "figli dello stesso genitore". È probabile che i cosiddetti fratelli di Gesù siano in realtà suoi cugini. Numerosi punti nella traduzione greca dei Settanta dell'Antico Testamento e nell'originale greco del Nuovo Testamento usano esplicitamente il termine '???????' per descrivere le relazioni tra persone che non hanno gli stessi genitori (solo per alcuni esempi vedi Genesi 13:8, 1 Cronache 23:21-22 e Atti 11:1).

Il brano più importante riguardante la verginità perpetua di Maria viene dal Vangelo di san Luca dove l'angelo Gabriele annuncia a Maria che darà alla luce il “Figlio dell'Altissimo”. Maria risponde dicendo "??? ????? ????? ???? ????? ?? ???????" (Luca 1:34) che letteralmente significa "Come si farà questo, perché non conosco uomo?" La sua risposta è sconcertante. Maria esprime shock: non alla notizia che darà alla luce il Messia, ma che partorirà del tutto! Una donna fidanzata con un uomo con cui avrà rapporti coniugali non si chiede come concepirà un figlio. Allora perché Mary è sorpresa che partorirà? La risposta è semplice. In precedenza aveva deciso di non avere rapporti sessuali con un uomo.

Si può comprensibilmente trovare strano che una donna che sta pianificando di sposarsi rimanga vergine. Tuttavia, questa pratica non era estranea agli ebrei dell'antichità classica. Come sottolinea lo studioso di scritture cattoliche Brant Pitre, "l'antica raccolta di tradizioni ebraiche conosciuta come la Mishnah (di solito datato intorno al 200 dC) contiene riferimenti espliciti a uomini e donne ebrei sposati che prendono "voti" di astenersi dalle normali relazioni coniugali [Ketuboth 7:3-7; Nedarim 11:1-12]”. Mentre la vita di Maria e il completamento della Mishnah sono separati da circa 150 anni, non è plausibile che Maria e Giuseppe abbiano partecipato a quella stessa pratica. Sebbene ci sia molto altro da dire, possiamo dire con sicurezza che le scritture indicano la verginità perpetua di Maria.


fr. Matthew Heynen, OP