Sostieni i nostri fratelli studenti donando a domenica del rosario

Gesù esagera quando dice: “…senza di me non potete far nulla”?

"Io sono la vite, tu sei i rami. Chi rimane in me e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla». (Giovanni 15:5). Noi cristiani non siamo estranei a questo detto di Gesù. Proprio come i tralci separati dalla vite appassiranno e moriranno, i cristiani che non "rimangono" in Gesù non possono raggiungere la vita eterna. Tuttavia, quando si considerano le parole di Gesù alla lettera, può sembrare a prima vista una leggera esagerazione che "non possiamo fare nulla". Un critico può far notare che gli atei possono certamente fare molte cose che fanno i cristiani. Sono intelligenti, hanno un buon lavoro, costruiscono cose utili e così via. In breve, sembrano cavarsela altrettanto o meglio dei cristiani. Sembrano andare bene a parte Gesù. Cosa si dovrebbe fare di questo? Il detto “non puoi far nulla” è un'esagerazione da parte di Gesù?

Ciò a cui Gesù si riferisce qui è una vita vissuta rispetto al proprio fine ultimo: una vita che conduce alla vita eterna, che comincia nella santità. Eppure questa vita di santità non può essere realizzata semplicemente volendola. Il Catechismo della Chiesa Cattolica (CCC) afferma: “il frutto cui si fa riferimento in questo precetto è la santità di una vita resa feconda dall'unione con Cristo” (CCC 2074). In altre parole, per i cristiani «[noi] possiamo portare frutto – cioè raggiungere la santità personale, compiere opere buone e osservare i comandamenti – solo per grazia di Dio» (CCC 1442).

Ma che dire dell'osservazione che gli atei, che non hanno fede in Cristo, sembrano andare bene? Sembra che possano realizzare molto bene, anche se mondano. Gli atei, anche se non "dimorano" in Cristo, sono ancora creature di Dio, che ci credano o no. Quindi, qualunque bene essi – o chiunque altro – facciano ha la sua origine in Dio in virtù del fatto che Dio è il loro creatore. Sulla questione “se l'uomo possa volere o fare alcun bene senza la grazia” (Summa Theologica I-II, Q. 109, Art. 2) S. Tommaso difende la necessità di Dio. Anche gli atei che hanno scelto di non dimorare in Cristo, e quindi rifiutano la Sua grazia, ricevono ancora da Lui la loro natura umana, sebbene sia corrotta dal peccato. Questa corruzione, tuttavia, non è così completa da non poter compiere alcun bene naturale. Queste persone, nella loro natura umana, “in virtù delle sue doti, operano un bene particolare, come costruire abitazioni, piantare vigne e simili”. Al di fuori di queste opere, però, essi, come ogni altro privato della grazia, non possono «fare opere di virtù soprannaturali, che sono meritorie» e che sono indicative di una vita di santità, che conta davvero come «ultimo fine."

In sintesi, lungi dall'essere un'esagerazione, le parole di Cristo che "non puoi fare nulla" sono un avvertimento sia per i cristiani che per gli atei che ciò che è veramente in gioco qui non sono le realizzazioni materiali che si possono ottenere in questa vita, ma una vita di santità che è possibile solo in unione con Cristo. Rinnoviamo il nostro impegno a dipendere esclusivamente da questa grazia di Dio, perché attraverso di Lui tutto è possibile.


fr. Martin Maria Nguyen, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI