Sostieni i Fratelli Studenti Domenicani donando a domenica del rosario!

Gloria Rivelata

Entra in molte se non la maggior parte delle chiese cattoliche e al centro del santuario vedrai un tabernacolo. Questa cassetta chiusa, spesso ricoperta d'oro e riccamente decorata, contiene le Ostie consacrate del Santo Sacrificio della Messa affinché si possa portare la Comunione agli ammalati e affinché i fedeli possano pregare alla presenza del Signore Gesù anche al di fuori della Messa stessa . La forma elaborata del tabernacolo e la posizione centrale evocano l'Arca dell'Alleanza che Mosè costruì durante l'Esodo e che in seguito si trovava nella camera più interna del Tempio di Salomone. Quella somiglianza è giusta. Così come l'Arca conteneva le tavolette di pietra dei Dieci Comandamenti e la manna con cui Dio sfamò gli Israeliti durante il loro viaggio, il tabernacolo contiene il Verbo di Dio fatto carne, lo stesso Corpo e Sangue di Cristo che nutre ogni giorno il Popolo di Dio .

La descrizione dell'Arca nel Libro dell'Esodo è generalmente coerente con ciò che gli archeologi sanno sugli altari itineranti trovati nelle culture dell'antico Vicino Oriente, ma c'è una differenza importante. In cima all'Arca c'erano due angeli scolpiti inginocchiati verso un luogo centrale dove la maggior parte di questi altari avrebbe rappresentato un'immagine della divinità da adorare, ma l'Arca non aveva un'immagine centrale, perché l'unico vero Dio era al di là della comprensione. Invece, le descrizioni bibliche dell'Arca menzionano il shekinah, una misteriosa nuvola che in qualche modo manifestava la gloria di Dio, che incombeva sull'Arca. Il profeta Ezechiele ricorda una visione in cui fissa la luce brillante del shekinah e distinse quasi la forma di un uomo seduto su un trono, ma qualsiasi rappresentazione fisica diretta del Dio invisibile era severamente vietata agli antichi israeliti. Consideriamo, ad esempio, il vitello d'oro che Mosè distrugge in Esodo 32.

Come cristiani, tuttavia, crediamo che Dio abbia in effetti una forma fisica nella persona di Gesù Cristo. San Giovanni Damasceno scrive di come, assumendo a sé una natura umana, Dio Figlio si fa veramente presente ai nostri occhi e agli altri sensi. Quindi, l'Incarnazione che celebriamo a Natale rende santo ciò che una volta era proibito. Opportunamente, guarda sopra un tabernacolo posto al centro e troverai quasi sempre un Crocifisso. La misteriosa visione di Ezechiele si realizza. Quando guardiamo a Cristo crocifisso, guardiamo a un'immagine di Dio in trono. La gloria che le generazioni precedenti desideravano intravedere è raffigurata fedelmente al di sopra del luogo della Presenza Reale di Dio. La rivelazione di Dio di Se stesso come un uomo che muore su una Croce – o come un bambino nato in una stalla – ci insegna che l'apice della Sua potenza gloriosa, saggezza e bellezza è il Suo amore infinito e che si dona.

fr. Philip Neri Gerlomes, OP | Incontra i Fratelli in Formazione QUI