Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Come funziona un capitolo domenicano?

Fin dai primi giorni di San Domenico, l'Ordine dei Predicatori è stato un'istituzione ferocemente democratica, che incarna i principi di collegialità, sussidiarietà, rappresentanza e responsabilità. Pertanto, l'Ordine valorizza la saggezza, l'esperienza e le idee di un ampio spettro di frati nel provvedere al bene della nostra missione: predicare la verità.

L'Ordine dei Predicatori è organizzato in tutto il mondo in province. Negli Stati Uniti ci sono quattro province: est, ovest, centro e sud. Ognuno ha il proprio set di leader e governance.

Uno dei momenti democratici più importanti nella vita di una provincia domenicana si chiama Capitolo. Tenuto una volta ogni quattro anni, un Capitolo è un raduno di frati eletti da tutta la provincia per rappresentare i bisogni della loro chiesa locale, discutere i cambiamenti alla legislazione della provincia, affrontare importanti questioni del giorno ed eleggere frati a posizioni di leadership chiave, incluso il capo di tutta la provincia, il Priore provinciale.

Oggi vorremmo condividere con voi uno sguardo dietro le quinte di questo processo e perché un Capitolo è così importante per la vita di un domenicano.

Un Capitolo inizia prima con l'elezione dei rappresentanti di tutta la Provincia. Alcuni sono nominati in virtù delle loro altre cariche elettive, come i priori dei conventi, e altri sono eletti dal pool dei frati disponibili della loro regione.

I delegati eletti arrivano al Capitolo ed entrano in un ritiro spirituale per discernere la volontà di Dio e cercare la Sua grazia.

Successivamente, viene celebrata una Messa dello Spirito Santo e lo Spirito Santo è invocato per la saggezza e la guida durante tutto il Capitolo.

A seguire, iniziano le relazioni del Capitolo. È qui che i leader chiave e il personale dell'attuale amministrazione forniscono rapporti sullo stato del loro lavoro o dei progetti principali dall'ultimo capitolo.

Successivamente, tutti i delegati del Capitolo caucus per eleggere il prossimo Provinciale. Viene celebrata un'altra Messa dello Spirito Santo e poi iniziano le votazioni. Un provinciale deve essere eletto a maggioranza assoluta. In altre parole, i voti per lui devono essere pari a più del 50% di tutti i voti espressi.

Una volta eletto il Priore provinciale, i frati cantano il Te Deum, un inno di lode paleocristiano. Inoltre, nella provincia occidentale, una grande campana suona nel giardino del chiostro della casa degli studi, Priorato di Sant'Alberto Magno. È come la fumata bianca che si alza dalla Cappella Sistina quando viene eletto un nuovo Papa. È un momento di festa e di fraternità per i frati.

Tecnicamente, il nuovo Provinciale non è ufficialmente provinciale fino a quando la sua elezione non è confermata dal Maestro dell'Ordine a Roma. Nei primi tempi della Provincia, questo sarebbe stato fatto per corrispondenza letterale, impiegando settimane o mesi per essere ascoltato. Successivamente, è stato fatto tramite telegrafo, poi fax e ora una semplice e-mail. Se il Maestro dell'Ordine approva l'elezione, il Capitolo prosegue i suoi affari. Se non viene approvato, chiamata cassazione, ricominciano le votazioni.

Confermato il nuovo provinciale, viene eletto il Diffinitorium. I membri di questo corpo sono chiamati Diffinitors e, insieme al nuovo provinciale, formano il nucleo del nuovo Consiglio provinciale, che sono quei leader che rappresentano la provincia e aiutano a consigliare il provinciale su questioni importanti durante il suo mandato.

Dopo l'elezione dei Definitori, i frati del Capitolo si dividono in quattro diverse commissioni, ciascuna delle quali rappresenta un aspetto centrale della vita domenicana. Queste commissioni sono intitolate Economia, Governo, Formazione Religiosa e Sequela di Cristo. I frati poi discutono su quanto sia sana la provincia in ciascuna di queste quattro aree, esaminano eventuali petizioni relative dai frati della provincia e raccomandano modifiche o aggiornamenti agli Acta, che è la legge della provincia. È qui che si svolge il pesante lavoro legislativo.

Mentre le commissioni si riuniscono, i Definitori stanno anche selezionando frati per posizioni di leadership chiave in tutta la provincia, come il maestro dei novizi, il maestro degli studenti, il direttore delle vocazioni e le varie posizioni di promotore, che sono essenzialmente sostenitori di elementi chiave del ministero e della vita domenicana.

Infine, l'intero Capitolo si riunisce di nuovo, esamina le proposte di modifica degli Acta presentate dalle varie commissioni e vota per accettare, modificare o respingere le proposte di modifica. Quando questo processo è finito, il Capitolo è completo e tutti ritornano ai loro ministeri per il meritato riposo.

Questo processo di base è così com'è stato per oltre 800 anni: i domenicani gestiscono i loro affari attraverso un processo ordinato di governo rappresentativo. È ciò che san Domenico stesso ha immaginato per l'Ordine e che ha dato ai frati il ​​loro forte senso di responsabilità, trasparenza e fraternità attraverso i secoli. Attraverso questo processo, lo Spirito Santo ha guidato l'Ordine dei Predicatori e li ha tenuti fedeli alla loro missione: predicare il Vangelo di Gesù Cristo per la salvezza delle anime.

Fonte: alcuni elementi di questo testo sono stati presi da "The Dominicans ~ A Short History" di William Hinnebusch, OP