Come perdere tempo come un santo

La nostra vita comune di domenicani segue un programma quotidiano di preghiera e pasti chiamato an orariorio, ma questo ci lascia ancora molto tempo per pianificare da soli. Come possiamo utilizzare al meglio quel tempo per la preghiera, lo studio, il lavoro e lo svago? Uno dei migliori consigli sulla gestione del tempo che ho letto viene dall'autobiografia di Dorothy Day La lunga solitudine. Scrive come - se non hai abbastanza tempo per fare ciò che devi fare - allora dovresti fare ciò che puoi fare bene in quel momento. Se hai venti minuti per scrivere un'e-mail sensibile, fermati. Non forzare ciò che non può essere. Prendi quei venti minuti per pregare un Rosario e torna a scrivere quell'e-mail quando puoi farlo bene.

Questa può essere una pratica utile su alcuni livelli diversi. Per prima cosa, è un piccolo atto di fiducia che Dio alla fine ti fornirà il tempo di cui hai bisogno anche se sei intrattabilmente occupato ora. Coltiva anche una migliore presenza mentale fissando i limiti su ciò che fai in un dato momento, allenandoti a concentrarti in modo più efficace. Ti dà anche l'opportunità di riposarti un po' di cui potresti non accorgerti nemmeno di aver bisogno. Eppure, Day difficilmente propone questo come solo un'altra strategia per "equilibrio tra lavoro e vita privata".

Se non riesci a scrivere un'e-mail premurosa in venti minuti, di certo non puoi ottenere giustizia e pace perfette in un giorno. In effetti, la nostra tradizione vuole che per realizzare la giustizia e la pace perfette ci voglia letteralmente "tutto il tempo del mondo!" Sfortunatamente, alla fine ti renderai conto che anche tutta la tua vita non è abbastanza tempo per sistemare le cose. In effetti, questa è una parte significativa di ciò che Day ha disilluso sui socialisti rivoluzionari che conosceva nei suoi primi giorni. Come rifletterà poi il Papa emerito Benedetto XVI nella sua enciclica Spe Salvi, è proprio la nostra illimitata fiducia nella nostra capacità di raggiungere la perfezione in questo mondo che ci lascia così senza speranza quando ci rendiamo conto che non vivremo mai per vedere quella perfezione.

Invece, il nostro lavoro in questo mondo è ispirato dalla nostra speranza nel mondo a venire, un mondo in cui ogni lavoro sarà finito e le nostre anime potranno riposare nella contemplazione indisturbata di Dio in tutta la Sua gloria. C'è una vera dignità nelle lotte che affrontiamo in questa vita, ma concederci queste piccole pause ci ricorda che il nostro tempo libero non è per farci lavorare meglio. Piuttosto, lavoriamo per godere di una pace più benedetta.


fr. Philip Neri Gerlomes, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI