Sostieni i nostri fratelli studenti donando a domenica del rosario

Misericordia incomprensibile

Come dovremmo trattare coloro che ci hanno gravemente ferito o fatto torto? fr. Anselmo condivide la difficile, ma vivificante risposta in onore della festa dell'Esaltazione della Croce.

Immagina di essere un ebreo nel 1943, prigioniero in un campo di concentramento nazista. Un giorno vieni chiamato nella stanza d'ospedale di un giovane soldato nazista, che sta morendo. Il soldato ti descrive come la sua unità massacrò gli ebrei russi, radunandoli in una casa, dandogli fuoco e uccidendo chiunque tentasse di scappare. Ora sul letto di morte, si è apparentemente pentito di quell'orribile crimine e vuole essere perdonato da un ebreo. Cosa faresti?

Questo è esattamente quello che è successo a Simon Wiesenthal, un ebreo austriaco sopravvissuto agli abomini dei nazisti. Lui stesso non disse nulla e se ne andò senza perdonare il soldato, che morì pochi giorni dopo. In seguito ha descritto questa esperienza in un libro intitolato Il girasole, che contiene anche cinquantatré risposte di leader religiosi, filosofi, compagni sopravvissuti e altri. Mi è stato assegnato questo libro in una classe universitaria e l'ho trovato, anche se indirettamente, una potente riflessione sulla Croce di Gesù Cristo.

Molti degli intervistati non erano sicuri se Simon avrebbe dovuto perdonare questo nazista o meno. Altri, inclusi molti scrittori ebrei, erano chiari sul fatto che, per vari motivi, il perdono non dovrebbe, o addirittura potuto non, essere offerto in questa situazione. Una minoranza, per lo più cristiana, credeva che perdonare i nazisti sarebbe stata la cosa giusta da fare.

Nella discussione in classe è emerso chiaramente che una simile distribuzione delle opinioni si otteneva tra gli studenti. Molti hanno iniziato le loro osservazioni con qualcosa del tipo: "Questo libro è stato un'introduzione per me all'idea del perdono perché non sono cresciuto religioso" o "La mia famiglia non era religiosa, quindi non ho mai pensato al perdono prima d'ora .” In generale, era chiaro che la maggior parte degli studenti non considerava il perdono una vera opzione morale per loro nella vita.

Mentre riflettevo su queste reazioni, mi tornava in mente un versetto particolare della Scrittura – 1 Corinzi 1-22, in cui san Paolo dice:

Perché i Giudei chiedono segni e i Greci cercano la sapienza, ma noi predichiamo Cristo crocifisso, pietra d'inciampo per i Giudei e follia per i Gentili

San Paolo si rese conto che la Croce, e il Dio che su di essa morì, non era comprensibile a coloro che, come gli ebrei, non comprendevano ancora la vera portata della misericordia di Dio, né a coloro che, come i pagani, non potevano immaginare di offrire amore di fronte all'odio. Ma per noi che crediamo, questa è proprio la lezione della festa odierna, l'Esaltazione della Santa Croce. La Croce è la sintesi simbolica di tutto il Vangelo, la buona novella che il perdono ha trionfato sul peccato. Non sempre è prudente giudicare le decisioni altrui, specie quando sono tese come quelle di Simone; tuttavia, la potente debolezza e la saggia stoltezza rivelate sulla Croce ci dicono una cosa con certezza: Dio è amore, e l'amicizia con Lui deve quindi significare che diventiamo come Lui, amando anche gli uomini malvagi, particolarmente coloro che ci hanno fatto del male. Questo è ciò che Gesù ha fatto per noi. Questa è la via difficile e angusta della vita.

fr. Anselm Dominic LeFave, OP | Incontra i fratelli in formazione QUI

Beato Angelico. Kreuzigung mit Lanzenstich des Hauptmanns Longinus (perforazione del costato di Cristo). 1437-1446. Museo di San Marco. Firenze, Italia.