Sostieni i nostri fratelli studenti donando a domenica del rosario

Il pentimento è una risposta arcaica al Coronavirus?

Quando in passato la malattia o la peste colpivano i cristiani o gli ebrei, la loro duplice reazione era 1) curare o fuggire da essa, e 2) pentirsi dei propri peccati e pregare per il perdono. Nel 2020 sappiamo fare il primo, ma il secondo è arcaico?

Per una risposta, possiamo guardare a Siracide 38-1, che parla di medici e sviluppatori della medicina. Il Siracide afferma che “la guarigione viene dall'Altissimo”, ma “ha dato agli uomini abilità per essere glorificato nelle sue opere meravigliose, da loro [medici] guarisce e toglie il dolore; il farmacista fa un composto, le sue opere non saranno mai finite...” Indica ai malati di pregare per la guarigione e purificare i loro cuori da ogni peccato. Ma subito dopo, «dare al medico il suo posto, perché il Signore lo ha creato... [un malato] che pecca davanti al Creatore, possa cadere nelle cure di un medico». In altre parole, se sei malato, prega e pentiti, ma consulta anche un medico.

La Scrittura e la Tradizione non dicono che tutte le malattie sono causate dal peccato, ma dicono che può esserlo, o almeno Dio può usare la malattia per chiamarci a rivalutare la nostra vita e tornare a una relazione sana con lui. Pertanto, la risposta cristiana alla malattia è sia scientifica che spirituale. Estendendo questi principi ai tempi di malattia internazionale come oggi, dobbiamo usare mezzi naturali per proteggerci e/o trovare guarigione (distanziamento sociale, lavarci le mani, ecc.), ma dobbiamo anche pregare e pentirci. Inoltre, le malattie maggiori richiedono risposte nazionali di pentimento e preghiera. Escludere le cure scientifiche/protezioni naturali o la preghiera/il pentimento non riesce a riconoscere come Dio opera sia a livello naturale che soprannaturale.

Alcuni si sono chiesti: la diffusione del Coronavirus durante la Quaresima è solo un caso o è un monito provvidenziale a tornare a una vita pia? Non conosciamo questa risposta. Tuttavia, questa pandemia si sta verificando durante la Quaresima. Noi cristiani riconosciamo che il Signore ci chiama specialmente in questo tempo - oltre a seguire le regole messe in atto dai nostri governi per la nostra salute fisica - a rinnovare anche la nostra salute spirituale, come comandato nel Siracide. Non possiamo sprecare le nostre vite su Netflix per le prossime settimane o mesi; siamo chiamati a valutare la nostra vita ea chiederci se stiamo vivendo per qualcosa di più trascendente o semplicemente per il qui e ora. Dobbiamo pregare ogni giorno e impegnarci nuovamente in una relazione viva e reale con Dio.

Le pratiche quaresimali di preghiera, digiuno ed elemosina, ci aiutano a compiere la penitenza per i peccati personali e nazionali, ma ci aiutano anche a costruire buone abitudini che dovrebbero continuare oltre questo tempo liturgico. Le nostre osservanze quaresimali possono essere mirate sia agli aspetti spirituali che materiali dell'epidemia. Possiamo pregare e digiunare con l'intenzione di una pronta guarigione, di una bassa perdita di vite umane e di una conversione del cuore. E possiamo fare l'elemosina ai poveri, ai vulnerabili ea coloro i cui mezzi di sussistenza sono colpiti dalla chiusura di negozi e ristoranti.


fr. Crisostomo Mijinke, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI