Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Aspirazioni quaresimali

La stagione della Quaresima è in corso! Questo tempo di preparazione alla Pasqua ci offre l'opportunità di riesaminare e riorientare la nostra vita spirituale. Siamo incoraggiati a prendere le osservanze quaresimali individuali, che di solito rientrano nelle categorie tradizionali della preghiera, del digiuno e dell'elemosina. Oltre a fare qualche tipo di sacrificio, speriamo di aggiungere anche qualcosa alla nostra vita spirituale. Se qualcosa che aggiungiamo si rivela fruttuoso, dovremmo considerare di continuare la pratica dopo la fine della Quaresima.

Una pratica semplice che può fare una differenza significativa nella nostra vita spirituale è incorporare brevi preghiere nel mezzo dei nostri programmi quotidiani. Queste brevi preghiere, chiamate aspirazioni, possono essere lunghe solo poche parole. Sono una pausa momentanea in ciò che stiamo facendo per rivolgere la nostra attenzione alla presenza di Dio. La preghiera potrebbe essere uno dei versi preferiti della Scrittura. Potrebbe anche essere un semplice "Grazie, Gesù" per qualche benedizione nel corso della giornata, o un "Aiutami, Signore!" o “Vieni, Spirito Santo” quando stiamo per fare qualcosa di difficile o in un momento di tentazione. Potrebbe anche essere pronunciare il nome Gesù, con uno sguardo interiore a Lui.

Prendere l'abitudine di dire preghiere in questo modo durante la giornata può trasformare la nostra routine quotidiana in un dialogo continuo con Dio, invitandolo in tutto ciò che facciamo. Questo è un modo per seguire l'istruzione di san Paolo di “pregare incessantemente” (1 Ts 5). Imiteremmo anche san Domenico, che «parlava sempre o di Dio o di Dio» (Fratello Paolo da Venezia, al processo di canonizzazione di san Domenico, 17).

Per formare un'abitudine, è utile associare le preghiere a particolari azioni o momenti di routine. Molti frati pregano quando mettono in moto: “Il nostro aiuto è nel nome del Signore, che ha fatto il cielo e la terra”. Di recente ho riletto la breve opera di Sant'Alfonso Liguori, Come pregare in ogni momento. Dà molti suggerimenti su come aggiungere momenti di preghiera alla nostra vita. Raccomanda in particolare di fare un'offerta del giorno in cui ci svegliamo per la prima volta e di offrire qualsiasi lavoro mentre ci prepariamo. Anche san Francesco di Sales ha molti suggerimenti al riguardo nella sua Direttorio Spirituale e nel suo Introduzione alla vita devota dove dice: "Ti consiglio di non legarti a nessuna parola formale, ma piuttosto di parlare con il cuore o con la bocca ciò che scaturisce dall'amore in te, che è sicuro di fornirti ogni abbondanza" (pt. II, cap. XIII).

Più di una volta ho deciso di incorporare questo tipo di brevi preghiere nella mia vita, ma di solito la pratica si riduce a causa dell'oblio. Formare una nuova buona abitudine, anche semplice come questa, è impegnativo. Questa Quaresima, sto raddoppiando i miei sforzi. Inizierò dicendo una breve preghiera per chiedere aiuto.

Signore, aiutaci con le nostre osservanze quaresimali e rendile feconde nell'avvicinarci a Te.


fr. Pasquale Strader, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI