Sostieni i Fratelli Studenti Domenicani donando a domenica del rosario!

Dalla sua pienezza, abbiamo tutti ricevuto

Perché è per grazia che siete stati salvati, per fede, e questo non è da voi stessi, è dono di Dio non per opere, affinché nessuno possa vantarsi. (Efesini 2:8-9)

Era il mio primo campo estivo nell'Ordine. Di solito trascorriamo due settimane con i frati durante le nostre vacanze. Come primo anno che ha dimostrato un profondo amore per la montagna, sono diventato membro di una spedizione sulle Dolomiti. Sono sicuro che Dio, quando ha creato il mondo, ha dedicato un'attenzione speciale a questa parte delle Alpi.

Per arrivarci, abbiamo dovuto percorrere circa 700 miglia in macchina, una distanza abbastanza lunga in Europa. Inoltre, questa parte dell'Italia è estremamente turistica e costosa, quindi era oltre il nostro budget. Abbiamo preparato la nostra attrezzatura e cibo a sufficienza per due settimane e speravamo che in qualche modo saremmo sopravvissuti. Ufficialmente avevamo un piano, ma nessuno di noi era mai stato sulle Dolomiti prima, e non ci rendevamo pienamente conto che il campeggio lungo il sentiero non era l'idea migliore. Tutto quello che sapevamo era che volevamo essere lì.

Le Dolomiti ci hanno accolto con un bel sole e panorami meravigliosi. Siamo arrivati ​​alla ridente cittadina di Cortina d'Ampezzo, che si trova nel cuore di queste montagne rocciose. In questo paese abbiamo cercato un posto dove lasciare l'auto e celebrare la messa. Abbiamo trovato una chiesa francescana, ma il parcheggio era pieno. All'improvviso abbiamo visto passare uno dei frati. Abbiamo pensato di chiedere un posto nella loro proprietà. Due fratelli sono saltati fuori dall'auto e hanno cercato di formulare la domanda in italiano. L'uomo li guardò, la nostra macchina, di nuovo loro e gridò: “Poli! Allora parla polacco. Si è scoperto che lì i francescani polacchi hanno una missione e un centro di ritiro. Ci hanno invitato a messa prima che avessimo la possibilità di chiedere loro qualcosa e poi hanno apparecchiato la tavola e hanno chiesto dei nostri progetti. Avevamo appena accennato alle tende, quando ci hanno offerto l'intero centro gratuitamente. Alla fine abbiamo passato con loro una bellissima settimana, facendo escursioni sulle cime e godendoci la bellezza della natura.

Quando sentiamo parlare della grazia, spesso troviamo difficile capire ciò che ci è stato dato. Penso che possa essere utile comprendere la nostra posizione di esseri umani. Credo che sia per certi versi come la mia esperienza con le Dolomiti.

Come esseri umani, abbiamo vagato dietro al peccato e ancora non riusciamo a trovare un posto per noi stessi da nessuna parte. Abbiamo imparato a conviverci, anche se non era la vita che volevamo. Abbiamo cercato aiuto da Dio, ma abbiamo avuto paura di chiedere troppo. Come il parcheggio della storia, un po' è tutto ciò che ci aspettavamo. Non stavamo aspettando nient'altro. Certo, avevamo un'idea della bellezza, ma non ci sentivamo degni di essa. Cercavamo solo una sosta, un posto per le tende, un luogo dove poter pregare il nostro Dio.

Naturalmente, questa storia è una metafora e, come ogni metafora, anche questa è imperfetta. La grazia che abbiamo ricevuto da Dio trascende il linguaggio, l'immaginazione umana e la nostra comprensione della generosità.

Cristo ha conosciuto la nostra fame e la nostra povertà. È venuto come un uomo e parlava la nostra lingua. Ci ha incontrato per strada e poi ci ha invitato a casa sua.

Non meritavamo nulla e ci ha accolto come suoi fratelli.

Forse potremmo ripagare questi francescani per la loro bontà, ma non possiamo rimborsare Dio. Possiamo solo accettare la sua grazia e l'invito al luogo che ha preparato per noi.

Dio ha certamente prestato un'attenzione speciale a questo luogo quando lo ha creato.

La grazia del Signore Gesù sia con il popolo di Dio. Amen. (Apocalisse 22:21)

fr. Lukasz Janik, OP | Incontra i fratelli in formazione QUI