Sostieni i nostri fratelli studenti donando a domenica del rosario

Riflessioni pandemiche

Queste sono state certamente alcune settimane strane e inquietanti che abbiamo vissuto, con praticamente tutto il nostro mondo che è andato in modalità rifugio sul posto di fronte al COVID-19. La cosa più scioccante di tutte, almeno dal mio punto di vista di frate, è la cancellazione delle messe pubbliche. Qui alla chiesa cattolica di San Domenico a Benicia, in California, abbiamo risposto a questa dolorosa situazione trasmettendo in streaming le nostre messe e altri servizi online. Avendo lavorato parecchio per far funzionare questo live streaming, ho avuto molte opportunità nelle ultime due settimane per riflettere sia sulle benedizioni che sulle potenziali maledizioni della tecnologia moderna. E ad essere onesto, ho iniziato a pensare che come cultura abbiamo un po' sopravvalutato il potere della nostra tecnologia.

Ad esempio, quando i social media si sono diffusi per la prima volta nella nostra società una decina di anni fa, le persone avevano grandi aspettative sulla sua capacità di unire le persone, ma ora ci sono molti dati empirici che suggeriscono che in realtà spesso fa l'esatto contrario. Allo stesso modo, la moderna scienza medica ha ottenuto vittorie così enormi che molti di noi stavano iniziando a chiedersi se la nostra tecnologia potesse persino sconfiggere la morte stessa. Poi, all'apice della nostra fiducia, completamente dal nulla, emerge un minuscolo virus, che ci prende totalmente alla sprovvista e sconvolge completamente l'ordine internazionale che abbiamo lavorato così duramente per costruire.

Ora, non sono un esperto di scienze o di economia, o di altro, ma mi sembra che la pandemia di coronavirus dovrebbe insegnarci qualcosa: non siamo il maestri di natura. Piuttosto, noi siamo il steward della natura, e c'è una grande differenza tra i due. Non siamo i padroni della natura perché non importa quanto progredisca la nostra saggezza scientifica, ci sarà sempre una parte significativa del mondo naturale che rimarrà sfuggentemente fuori dal nostro controllo. Solo Dio ha il controllo assoluto sul mondo naturale, e quindi solo Lui ne è il Padrone. Se fossimo i padroni della natura, saremmo Dio. Ma noi non siamo Dio. Dio è Dio.

Ora, ovviamente, dobbiamo tutti fare tutto ciò che è in nostro potere per rallentare la diffusione di questo virus potenzialmente letale. Ciò include il rispetto di tutte le misure di distanziamento sociale raccomandate e/o applicate dalle autorità competenti. I nostri sforzi salveranno vite. Ma anche se riusciamo a controllare questo virus con i nostri sforzi prudenti, la natura può facilmente lanciarci qualche altra crisi, proprio come inaspettatamente la pandemia di coronavirus. Questo dovrebbe essere molto umiliante per noi. Questo dovrebbe insegnarci che, anche se cerchiamo di estendere il nostro controllo del mondo naturale attraverso la tecnologia, come è giusto, dobbiamo riconoscere umilmente la nostra mancanza di controllo finale. Se noi come cultura possiamo riconoscere questo, allora la nostra tecnologia può essere al servizio del piano di Dio per noi, non in sostituzione di esso.