Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Lodare Dio

Noi cattolici lodiamo Dio. Noi, sue creature, lodiamo Dio per molte ragioni. Lodiamo Dio per ringraziarlo, adorarlo e glorificarlo. La lode è una grande espressione del proprio debito verso Dio. A volte, quando lodiamo Dio, lo facciamo con una mentalità transazionale, come se lo stessimo "ripagando". Tuttavia, anche le nostre lodi a Dio sono un dono che ci fa. Tutto ciò che abbiamo viene da Dio: la nostra vita, i nostri talenti, la nostra famiglia e tutto il resto. Quando lodiamo Dio, non aggiungiamo alla Sua grandezza. È bene per noi e per la nostra salvezza lodare Dio perché ci permette di conoscerlo e di amarlo. Questo mi ricorda uno dei prefazi della Messa, che dice: «Poiché, sebbene tu non abbia bisogno della nostra lode, tuttavia il nostro rendimento di grazie è esso stesso tuo dono, poiché le nostre lodi non aggiungono nulla alla tua grandezza, ma ci giovano alla salvezza per mezzo di Cristo nostro Signore» (Prefazio comune IV).

Nel lodare Dio, accadono tre cose. Primo, riconosciamo il Suo potere onnipotente. Riconosciamo che Dio è capace di tutto. Riconosciamo il suo dominio su di noi e ci sottomettiamo a lui. Permettiamo a Dio di governarci.

In secondo luogo, nel lodare Dio, ricordiamo anche a noi stessi che siamo la sua creazione, che siamo subordinati a lui e che siamo peccatori che devono ricevere la sua misericordia e consolazione. Riconosciamo di aver peccato contro Dio e ricordiamo che abbiamo ricevuto il perdono da Lui. Lodando Dio, ci umiliamo davanti a Lui e ci prepariamo a seguire la sua chiamata.

Infine, nel lodare Dio, esprimiamo anche il desiderio di essere più vicini a Dio; cerchiamo di stare con Lui. Perseguiamo la santità agli occhi di Dio. San Tommaso d'Aquino ci ricorda che «lodandolo si suscita la nostra devozione verso di lui... 91.1 co). Voltiamo le spalle al male quando lodiamo Dio. Siamo attratti dalla bontà. Perseguiamo la santità e ci sforziamo di essere liberi dal peccato e dalla macchia. Lodando Dio, desideriamo stare con Lui.

Quindi cari amici, mentre lodiamo Dio, ricordiamo che le nostre azioni non aggiungono grandezza a Lui, ma piuttosto ci giustificano per essere degni di stare con Lui. Lodando Dio, permettiamo a Dio di governare le nostre vite; ci sottomettiamo alla Sua sovranità e coltiviamo il nostro desiderio di stare con Lui.


fr. Joshua Gatus, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI