Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Pregare per i morti

Vuoi capire meglio la distinzione tra Ognissanti e Ognissanti? Guarda questo video

Per anni Hollywood ha dipinto il purgatorio come qualcosa che non è. Invece di presentarlo come un processo di purificazione davanti al cielo, film come What Dreams May Come e Gabriel raffigurano il purgatorio come un luogo tra il paradiso e l'inferno. Ma come cattolici crediamo che "tutti coloro che muoiono nella grazia e nell'amicizia di Dio, ma ancora imperfettamente purificati, sono davvero certi della loro salvezza eterna... dopo la morte subiscono la purificazione, in modo da raggiungere la santità necessaria per entrare nella gioia del cielo" (CCC, 1030).

Confermata dal Concilio di Lione, dal Concilio di Firenze e poi ancora dal Concilio di Trento, la nostra fede nel purgatorio e la pratica di pregare per i defunti esiste da migliaia di anni.

Leggiamo nell'Antico Testamento che “[Giuda Maccabeo] fece l'espiazione per i morti, affinché fossero liberati dal loro peccato” (2 Macc. 12:46). E nel Nuovo Testamento apprendiamo di San Paolo che offre suppliche per un uomo che è morto. “Il Signore gli conceda di trovare misericordia” (2 Tm 1), prega per Onesifro.

Forse una delle storie più commoventi di preghiera per i morti si trova nel Martirio di Perpetua, scritto nel 203 d.C. Santa Perpetua, imprigionata per la sua fede, descrive una visione del fratello:

“Ho visto Dinocarate uscire da un luogo oscuro, dove erano anche molti altri; essendo insieme caldo e assetato, il suo vestito sporco, il suo colore pallido; e la ferita sul viso che aveva quando morì...[e] nello stesso luogo dove si trovava Dinocrate, una fonte piena d'acqua, avente il bordo più alto della statura del ragazzo...Dinocrate si allungò come per bere...ancora per il all'altezza del bordo potrebbe non farlo”.

Sbalordita da questa tragica scena, Santa Perpetua si sveglia e comincia a pregare per suo fratello, "giorno e notte con gemiti e lacrime", finché non le viene mostrata un'altra visione.

“Ho visto il luogo che avevo visto prima, e Dinocrate puro di corpo, vestito finemente, comodamente; e l'acquasantiera che avevo visto prima, il cui bordo era tirato sull'ombelico del ragazzo; e attinse acqua... E sazio si allontanò dall'acqua e si mise a giocare come fanno i bambini, gioiosi».

Non sorprende che Santa Perpetua, onorata dalla Chiesa sin dal suo martirio, abbia avuto un profondo impatto sui primi Padri della Chiesa, sui mistici del deserto e su coloro che cercavano di chiarire l'insegnamento della Chiesa sulla preghiera per i morti.

La comunità si riunisce per la veglia di p. Michael Morris, OP[/caption]

Nell'Ordine dei funerali cristiani, la Chiesa rivela che preghiamo per i morti perché la morte non è la fine della nostra esistenza. Sebbene il nostro tempo come membri della Chiesa militante sulla terra sia giunto al termine, siamo ancora membri della Comunione dei Santi. Se siamo in un perfetto stato di grazia quando moriamo, ci uniamo alla Chiesa Trionfante in cielo. In caso contrario, ci uniamo a quei membri del Corpo di Cristo che ora vengono purificati nel purgatorio.

Ma perché uno dovrebbe essere purificato prima di entrare in paradiso?

Anche se possiamo morire dopo aver espresso il nostro dolore e aver ricevuto il perdono, molti di noi non muoiono con un perfetto amore per Dio. Molto spesso siamo ancora attaccati alle cose terrene che amiamo. Prima di avvicinarci al trono della grazia, dobbiamo essere purificati da queste cose. Perciò preghiamo per i defunti, chiedendo al Signore di accelerare questo processo di purificazione. Affidiamo a Dio le anime dei fedeli defunti e preghiamo che siano assistite nel loro cammino verso il cielo. Come leggiamo nel Catechismo: «Fin dall'inizio la Chiesa ha onorato la memoria dei defunti e ha offerto per loro preghiere in suffragio, soprattutto il sacrificio eucaristico, affinché, così purificati, giungano alla visione beatifica di Dio» (CCC, 1032).

Oltre a pregare per i defunti il ​​2 novembre, commemorazione di tutti i fedeli defunti, i membri dell'Ordine dei Predicatori hanno l'abitudine di pregare per i defunti durante tutto l'anno. Tutti i giorni prima di cena cantiamo il Salmo 130 e ricordiamo i domenicani che sono morti in quel giorno nel corso della storia. Ogni settimana, e specialmente il 5 settembre, preghiamo per i nostri amici e benefattori defunti. Il 7 febbraio ricordiamo i nostri genitori defunti e l'8 novembre offriamo le nostre preghiere per tutti i nostri fratelli e sorelle domenicani che sono morti.

Nella tua carità, unisciti a noi per trovare il tempo per pregare per i morti, un atto di misericordia con conseguenze eterne.

Vuoi capire meglio la distinzione tra Ognissanti e Ognissanti? Guarda questo video