Sostieni i nostri fratelli studenti donando a domenica del rosario

Pregare nel buio

Alcune persone mi hanno detto che è più facile per loro pregare al buio che alla luce. Allora perché? CS Lewis chiede: "Perché i luoghi santi devono essere luoghi oscuri?"

Forse c'è più di una risposta a questa domanda. Ma una risposta sembra essere che l'oscurità arriva con l'incertezza. Quando sono al buio, non riesco a vedere; e cose così raccapriccianti potrebbero venire fino a me, e non le vedrei mai arrivare. Ed è in quei momenti di incertezza che ci sentiamo maggiormente dipendenti da Dio. Certo, dipendiamo sempre da Dio, ma tendiamo ad esserne più consapevoli quando siamo al buio.

Oggi ci troviamo in una sorta di oscurità, vale a dire, l'oscurità dell'incertezza sul COVID-19 e sui suoi effetti a catena nella nostra società. Siamo "al buio" nella misura in cui non possiamo vedere cosa accadrà domani. Questa oscurità è dolorosa. Ci fa sentire vulnerabili e impotenti. Ma questa è anche la nostra via di salvezza, perché ci insegna a riporre la nostra fiducia solo in Dio e non in noi stessi. L'oscurità richiede che io lasci andare la fiducia in me stesso e mi metta semplicemente nelle mani del mio Padre Celeste. È camminando in questa valle di tenebre che diventiamo santi.

Non solo le tenebre ci aiutano a contemplare la nostra dipendenza da Dio, ma ci aiutano anche a contemplare Cristo come 'luce del mondo'. La luce di Cristo è enfatizzata nella Veglia Pasquale quando tutte le luci si spengono tranne una, il Cero Pasquale, che rappresenta Lui che risplende in un mondo di tenebre. Quest'anno, immagino che molte persone continueranno questo simbolismo spegnendo le luci del soggiorno mentre guardano la Veglia Pasquale in diretta streaming.

Cristo ha vinto le tenebre risorgendo dai morti. Cristo ci ha chiamati dalle tenebre alla Sua meravigliosa luce. Cristo è sempre con noi per guidarci attraverso le tenebre. E così, quando ci troviamo intrappolati nelle tenebre, invochiamo Cristo nostra luce.


fr. Patrick Rooney, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI