Sostieni i Fratelli Studenti Domenicani donando a domenica del rosario!

Rientro a Nazaret

Uno dei risultati della nostra società individualistica è che le famiglie sono diventate sempre più isolate. Questo isolamento è talvolta giustificato dalle famiglie cattoliche come un tentativo di preservare la loro famiglia da una società che è diventata sempre più ostile alla nostra fede e ai nostri valori. Ma un tale atteggiamento è problematico. Anche la Sacra Famiglia, dopo la morte di Erode, vide l'importanza della propria società nel ritornare a Nazaret dall'Egitto, dove erano stranieri, sottratti alla propria comunità. Affinché possa prosperare, la famiglia ha bisogno del sostegno della sua più ampia comunità ecclesiale e deve resistere alle tendenze antisociali e individualistiche della nostra società.

Per capirlo, considera la parabola del seminatore. La famiglia isolata dalla società è come il seme gettato nei rovi. Il solo suolo non è necessariamente il problema: possono ricevere regolarmente i sacramenti, pregare insieme come una famiglia ed essere catechizzati nella fede. Tutti questi sono aspetti centrali della vita familiare cristiana. Il problema è perseverare attraverso le spine delle tentazioni e delle sfide che li affliggono, "le preoccupazioni di questo mondo, e l'inganno delle ricchezze e le concupiscenze di altre cose che entrano", che "soffocano la parola", rendendola "infruttuosa". Queste sfide e tentazioni non vengono solo dall'esterno, ma dall'interno. Una famiglia, isolata dalla Chiesa, può facilmente ignorare i vizi che crescono intorno [ATK1] loro, o addirittura giustificarli. Nella generazione dei miei nonni era molto più facile affrontare queste sfide perché le comunità parrocchiali erano più forti. Ma con l'ascesa dell'individualismo e lo svanire delle vivaci parrocchie, molte famiglie cattoliche soffrono di queste spine senza il sostegno della loro comunità e, di conseguenza, hanno lottato per perseverare nella loro vocazione, sia attraverso il divorzio, le crisi[ATK2] o membri che lasciano la Chiesa.

La famiglia ha bisogno di una comunità più ampia che aiuti a scavare le spine del vizio e del peccato per garantire che il suolo sia ospitale per una santa vita familiare. Una volta che questo terreno è stato coltivato, può ricevere la forza spirituale per crescere ed evangelizzare il nostro mondo tossico, e produrre trenta, sessanta e cento volte. Questa dipendenza dal prossimo è antitetica alla nostra moderna sensibilità individualistica, ma è vitale per la vita cristiana.

Come possiamo iniziare a promuovere comunità cristiane fruttuose e solide? Forse possiamo iniziare guardando le prime comunità cristiane descritte negli Atti. Sebbene alcuni aspetti di queste comunità possano essere impraticabili in alcuni contesti, vale la pena riflettere su come possiamo essere più intenzionali riguardo al nostro coinvolgimento nelle nostre parrocchie, non relegandolo alla Messa domenicale, ma sostenendo attivamente e dipendendo gli uni dagli altri in la fede. Così facendo, possiamo sviluppare le relazioni forti necessarie per incoraggiare la crescita nella santità, «sopportando gli uni gli altri e perdonandoci gli uni gli altri, se qualcuno si lamenta dell'altro» (Colossesi 3).

fr. Elias Guadalupe Ford, OP | Incontra i fratelli in formazione QUI