Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

San Cirillo e l'Eucaristia

San Cirillo di Alessandria visse tra c. 378-444 d.C. e fu Patriarca (Arcivescovo) di Alessandria in un periodo molto turbolento nella Chiesa. In quel periodo un uomo di nome Nestorio stava diffondendo un insegnamento che l'umanità e la divinità di Gesù non erano unite in una persona, ma in un'apparenza, in greco prosopo. San Cirillo ha combattuto questo insegnamento affermando che l'umanità e la divinità di Gesù erano unite in uno persona, non un aspetto.

C'è una sezione interessante della terza lettera di san Cirillo di Alessandria indirizzata all'eretico Nestorio:

"Proclamiamo la morte carnale dell'unigenito Figlio di Dio, Gesù Cristo, confessiamo il suo ritorno in vita dai morti e la sua ascensione al cielo quando compiamo in chiesa il servizio incruento, quando ci avviciniamo ai doni sacramentali e siamo santi partecipanti alla la carne santa e il sangue prezioso di Cristo, salvatore di tutti noi, ricevendo non mera carne (Dio non voglia!) o carne di un uomo consacrato dalla connessione con la Parola in qualche unità di dignità o che possiede qualche dimora divina, ma il personale, carne veramente vivificante di Dio Verbo stesso (Terza lettera a Nestorio 7). "


Questo è un argomento di molti che san Cirillo dà a sostegno dell'unità di Cristo. Questa citazione è particolarmente interessante, tuttavia, a causa del modo in cui sostiene l'unità di Cristo. La sua argomentazione è più o meno così: se l'umanità e la divinità di Gesù non sono unite in una persona, allora la sua carne non è unita alla sua divinità. Se la carne non fosse unita alla divinità, a Messa mangeremmo solo carne umana, e questo sarebbe assurdo. Pertanto, l'umanità di Gesù e la sua divinità devono essere unite in una persona piuttosto che in una sola aspetto come insegnava Nestorio.

È abbastanza comune che le persone prima sostengano la verità su chi è Cristo e poi si spostino a sostenere la presenza di Cristo nell'Eucaristia, ma quante volte litighiamo al contrario? Il ragionamento di Cyril ci dice qualcosa di incredibilmente importante. L'Eucaristia, in qualche modo, ci insegna chi è Gesù.

Non bastava ai discepoli, durante il pellegrinaggio terreno di Gesù, semplicemente imparare da lui. Anche loro dovevano essere alla sua presenza. Per questo Gesù supplicava costantemente i suoi discepoli di “seguirlo” (Mt 16, Mc 24, Lc 10, Gv 21) – e perfino rimanere in lui (Gv 6) – e non solo per “imparare” da lui. La stessa presenza di Gesù ci insegna chi è e in definitiva chi è Dio.

Anche noi abbiamo questo stesso privilegio della presenza di Gesù. Non solo abbiamo l'opportunità di imparare da Cristo attraverso le Scritture e conversare con Lui nella preghiera, ma abbiamo anche il privilegio di essere alla sua presenza nell'Eucaristia. Non disperdiamo questo grande dono che Dio ci ha fatto. Rimaniamo alla presenza di Cristo per imparare da lui. San Girolamo una volta disse: "l'ignoranza della Scrittura è ignoranza di Cristo". Non dovremmo anche dire che «l'ignoranza dell'Eucaristia è ignoranza di Cristo?».


fr. Nathaniel Maria Mayne, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI