Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Novena di Natale del Santuario di San Giuda

"Siamo un popolo 'permaloso', padre... ci piace toccare."


Cari amici di San Giuda,

Sono stato invitato per questa passata festa di San Giuda dai devoti di San Giuda a Tucumán, in Argentina, per venire a dare una novena con alcune delle nostre reliquie di San Giuda, mentre p. James Moore, OP, il mio predecessore, è stato così gentile da coprirmi negli Stati Uniti. È stata un'esperienza gioiosa e commovente in molti modi, e mi ha aiutato a vedere le cose sotto una nuova luce che non sarebbe stato possibile qui, poiché siamo così abituati ad avere San Giuda sempre con noi.

All'inizio discutevo con uno dei miei ospiti della venerazione delle reliquie di San Giuda alla fine della Messa e di come procedere nel modo migliore. Mi ha detto: "Siamo un popolo 'permaloso', padre... ci piace toccare". E infatti lo erano! Molti volevano toccare san Giuda più che ricevere una benedizione, stringere saldamente il suo reliquiario tra le mani, sulla fronte, onorare con un bacio, fare qualcosa di molto più tattile di quanto siamo abituati qui.

E questo è il Natale, in carne ed ossa. Per gli ebrei Dio era tutto e interamente Altro. Per Lui essere chiamato "Santo, Santo, Santo", significava chiamarlo, in un certo senso, "Molto e completamente diverso da noi stessi". Sì, era presente in tutte le cose e tutte le cose gli erano note, ma come avrebbe potuto una semplice creatura cominciare a catturare la meraviglia di questo Dio?

Natale - Natale è come. Per Cristo assumere la nostra carne e la nostra natura, in tutte le cose tranne che nel peccato, significava che forse il suo primo atto umano alla nascita sarebbe stato quello di raggiungere e toccare la Beata Vergine e Giuseppe, di aggrapparsi alle sue stesse creature con la più piccola delle dita umane. Non ci sarebbe stato nulla di più umano, né al tempo stesso più divino, che Dio colmasse quell'abisso infinito tra Creatore e Creatura nella stessa carne, attraverso la mera materia creata.

Continua quel miracolo di Natale nei Sacramenti, dove i nostri sensi sono avvolti dai segni esteriori che riceviamo per realizzare in noi un incontro spirituale e di grazia con il Dio Vivo e Vero. Lo stesso Dio che afferrò il dito di Maria, lo stesso Dio che toccò gli occhi del cieco, lo stesso Dio che spinse san Tommaso a toccargli il fianco stesso per rafforzare la sua fede, tale è lo stesso Dio che sempre ci invita a riconnetterci a Lui, non in un senso virtuale, ma in un senso pienamente reale, dalla carne e dai sensi esteriori alle profondità più intime delle nostre anime.

Siamo tutti un popolo "permaloso" in un certo senso, anche se non siamo tutti portati a essere "permalosi". Nasciamo con questo senso, il bisogno di connetterci con i nostri genitori attraverso il dono stesso della carne che ci hanno dato – potrebbe anche essere il nostro primo istinto posto in noi da Dio? Immagino che forse la Vergine Maria abbia fatto eco alle stesse parole che fece san Tommaso vedendo il Cristo risorto nella carne stringerle saldamente il dito: Mio Signore e mio Dio!

Sacramenti – sono tutti un assaggio, dunque, del Cielo e della Risurrezione dei Morti, quando esploderemo con la stessa gioia natalizia nel vedere il nostro Dio, nella carne e nella nostra carne, ricordando le parole del santo patriarca Giobbe: “Poiché so che il mio Redentore vive e nell'ultimo giorno risorgerò dalla terra. E mi rivestirò della mia pelle e nella mia carne vedrò il mio Dio. colui che io stesso vedrò e i miei occhi vedranno, e non un altro: questa mia speranza è riposta nel mio seno» (Giobbe 19:26-27).
E saremo come bambini in quel primo nuovo giorno, protendendoci per toccare, nella gioia più pura e genuina, la mano e la carne del nostro Dio, la gioia infinita del Natale.

Con tutto lo staff, i volontari e gli amici devoti di St. Jude qui, vi auguriamo un Santo Natale e un Anno Nuovo, pieno di quella gioia natalizia.

Iscriversi alla Novena