Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

San Tommaso e l'obbedienza alla verità

I domenicani non sono particolarmente zelanti nel promuovere la venerazione dei nostri santi, una tendenza che risale ai nostri inizi e al culto di san Domenico stesso. Quando alla fine i fratelli si avvicinarono a papa Gregorio IX riguardo alla causa del loro fondatore, questi li raccontò sul ritardo nel portare la questione davanti a lui. La nostra sincera promozione di san Tommaso d'Aquino potrebbe sembrare un'eccezione, ma non è tanto san Tommaso che i domenicani promuovono quanto il suo insegnamento.

Qui spesso incontriamo un fraintendimento fondamentale dell'amore domenicano per il Dottore Angelico, cioè che dovremmo avere altri maestri oltre a San Tommaso per bilanciare l'influenza della sua personalità con quella degli altri. Al contrario, poteva dare con sicurezza risposte che iniziavano: "Io rispondo", non come un appello alla propria persona, ma come uno che cerca di diffondere lo splendore della saggezza. “Chi parla di propria autorità cerca la propria gloria; ma chi cerca la gloria di colui che lo ha mandato è veritiero» (Gv 7). Sembra che abbia deliberatamente adottato questo stile di scrittura disadorno in modo che nessuna particella di se stesso dovrebbe impedire la trasmissione della verità. Questo stesso è eminentemente Tommaso: con un'attenta disciplina, è diventato un vaso trasparente sia per la verità che per la santità. San Tommaso insegnò la verità come primo discepolo della verità. Era un maestro di verità perché era il primo ad obbedire alla verità.

La parola oboedire ("obbedire") deriva da audire ("ascoltare"). L'obbediente ascolta i suoi superiori; il discepolo ascolta il suo maestro. Questa è un'abitudine che Tommaso aveva sviluppato fin dalla sua giovinezza e coltivata ulteriormente in risposta all'insegnamento di Sant'Alberto. Divenne più silenzioso, studioso e orante nella sua sete di conoscenza. Ha preso a cuore le parole della Sapienza: “Beato l'uomo che mi ascolta, vegliando ogni giorno alle mie porte, aspettando davanti alle mie porte” (Proverbi 8, 34). Il bue muto non taceva semplicemente per decoro religioso o umiltà, ma perché trovava il silenzio favorevole all'ascolto di Dio che parlava nel mondo naturale, attraverso sapienti maestri, nella liturgia, nella Scrittura, nella sua preghiera personale. Numerosi testimoni testimoniano come Tommaso «cercò apertamente la sapienza nella preghiera» (Sir 51), versando molte lacrime mentre supplicava Dio di illuminarlo. Pensiamo ai grandi uomini come pieni di fiducia in se stessi, ma il modo di Tommaso era quello di ricorrere al Signore.

Questa era la sua santità, non qualcosa che ottenne nonostante la ricerca della saggezza, ma grazie ad essa. Riteneva che amare la verità aiuta ad amare Dio, fa amare Dio, che è Verità. Tommaso riteneva la sapienza qualcosa di divino, soprattutto la sapienza che è dono dello Spirito Santo; ma alla fine della sua vita il dono più grande ricevuto da Tommaso - una comunicazione travolgente di Dio stesso - lo ridusse ancora una volta al silenzio, tanto che al confronto tutto ciò che aveva scritto considerava paglia.

Noi veneriamo i santi perché sono stati conformati a Cristo, perché ci aiutano a conformarci a Cristo. Allo stesso modo, il culto del tomismo esiste solo nella misura in cui gli insegnamenti di Tommaso si conformano alla realtà e aiutano i nostri intelletti a fare lo stesso. Viviamo in una cultura che ci incoraggia a trovare una metafisica su misura e una spiritualità personalizzata: la tua verità, la mia verità. Imitiamo san Tommaso e purifichiamo le nostre anime da ogni egocentrismo mediante l'obbedienza alla verità (1 Pt 1). Dovremmo ascoltare.

Fr.Columban Mary Hall, OP | Incontra i fratelli in formazione QUI