Sostieni i nostri fratelli studenti donando a domenica del rosario

La bellezza del voto di castità

Amo il voto di castità! Sì, mi hai sentito bene. Io, un maschio di ventiquattro anni, cresciuto nella cultura iper-sessualizzata dell'America del ventunesimo secolo, sono grato di aver scelto di non sposarmi. Questa scelta è particolarmente sconcertante in una società in cui la castità dei sacerdoti e dei religiosi è vista da molti nel migliore dei casi come qualcosa di pietoso, e nel peggiore come una pratica repressiva e malsana. In un'epoca in cui molti, cattolici e laici, acclamavano la scomparsa della castità religiosa come qualcosa di degno di gioia, come un segno di "modernizzazione", trovo tanto più necessario proclamare apertamente l'immensa gioia di vivere la castità e la bello scopo che serve nel Corpo di Cristo.

Molti cattolici ben intenzionati, quando cercano di difendere la castità sacerdotale e religiosa, opteranno per l'approccio pragmatico: “ha senso perché significa che un uomo può dedicare tutto il suo tempo alla Chiesa e servire gli altri come sacerdote o fratello, e una donna può fare lo stesso di una suora o di una sorella. Non doversi occupare di una famiglia li rende liberi di servire gli altri”. Sebbene questo sia un approccio completamente vero e valido, penso che manchi l'intero punto della castità. La ragione della castità va al di là della mera pratica e si colloca propriamente nel regno dello spirituale. È un richiamo che i veri beni del sesso, dell'intimità, del matrimonio e della famiglia non sono i beni più alti ma devono essere orientati verso l'unico Sommo Bene: Dio.

Nel voto di castità, i religiosi cattolici rinunciano ai beni naturali del matrimonio, dell'intimità fisica/sessuale e dei figli. In questo modo ci sforziamo di imitare Gesù che era casto e che chiama coloro a cui è stata data la grazia di vivere in questo modo a seguire il suo esempio (Mt 19). È attraverso questo voto che noi, in senso spirituale, siamo sposati con Dio. Allo stesso modo in cui marito e moglie si donano l'un l'altro totalmente per la vita, i religiosi consacrati si donano interamente a Dio e sono così una testimonianza profetica di come ogni cristiano sarà unito totalmente a Dio in cielo, dove sarà non sia un matrimonio umano (Mt 12).

Vivere un voto di castità non è affatto facile. Ci sono giorni in cui - e so che le persone sposate possono riconoscerlo - l'erba sembra molto più verde dall'altra parte. Ma poi di nuovo, trovo che le cose veramente gioiose nella vita sono quelle che sono difficili e richiedono la nostra persistente cooperazione con la grazia di Dio, quelle che ci richiedono di morire ogni giorno a noi stessi e di essere inchiodati alla croce con Cristo in modo che noi risorga con Lui nella gloria. La castità vivente si riduce a una scelta fatta ogni giorno di essere gioiosamente fedele ai voti che ho liberamente fatto a Dio, di dire con il cuore quello che dico con le labbra ogni mattina mentre indosso l'abito: “O Signore, hai posto il tuo segno sulla mia testa, che non dovrei ammettere nessun amante tranne te. Amen."


fr. Benedict Mary Bartsch, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI