Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Il quinto mistero doloroso: la crocifissione

Dopo aver meditato l'Agonia nell'Orto, la Flagellazione alla Colonna, l'Incoronazione di spine e la Portazione della Croce, con il quinto e ultimo Mistero Doloroso del Rosario arriviamo al culmine della nostra meditazione sulla Passione del Signore: La sua crocifissione sul Monte Calvario. Considerando lo stupendo potere che nostro Signore manifestò durante il Suo ministero pubblico prima della Sua Passione, potremmo aver avuto l'impressione che la morte fosse una questione di poco conto per Lui. Forse immaginiamo che la sua morte non sia stata la stessa catastrofe che sarebbe stata per noi. Dopotutto, sappiamo che risorgerà il terzo giorno. Se alla fine tutto andrà per il verso giusto, cosa c'è da arrabbiarsi così tanto? Il Primo Mistero Doloroso, l'Agonia nel Giardino, comincia a dissipare questa impressione. Là nostro Signore prega: “Padre mio, se è possibile, passi da me questo calice; tuttavia, non come voglio io, ma come vuoi tu» (Matteo 26:39). Gesù è così commosso per l'agonia che si avvicina a Lui che desidera poter essere liberato da questo male travolgente.

Quando è giunto il momento di sopportare questo male estremo, nostro Signore alza ancora una volta la sua voce al Padre con un tono di lamento doloroso: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?" (Matteo 27:46). Ogni dubbio persistente che avremmo potuto avere sulla gravità di questa situazione è ora definitivamente messo a tacere: senza dubbio, la morte di Gesù sulla croce è stata indicibilmente amara. Da ciò apprendiamo che Dio stesso si è degnato di condividere il peso della nostra sofferenza. Non voleva che fossimo soli; Lui stesso ha voluto soffrire con noi, e per noi. Dio sa che il mondo è un luogo doloroso. A volte questa è una verità che è difficile per noi riconoscere. A volte preferiremmo seppellire la testa nella sabbia e scegliere di non considerare il grido dei poveri e il sangue di Abele che grida dalla terra. Ma la passione di Gesù in croce lo impedisce. Se, nella durezza del nostro cuore, facciamo fatica a riconoscere la miseria della condizione umana, contemplando l'amara morte in croce di nostro Signore, si prepara nel nostro cuore una via per aprirci alla sofferenza dei poveri. In Gesù abbiamo il coraggio di essere compassionevoli, perché in Gesù sappiamo che la sofferenza non è il capitolo finale della storia. Il capitolo finale della Sua storia è la Sua gloriosa resurrezione dai morti e l'ascensione al cielo, per essere nella beatitudine eterna con Suo Padre. Se riceviamo fedelmente la Sua dolorosa passione nei nostri cuori, questo sarà anche il capitolo finale della nostra storia.


fr. Atanasio Thompson, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI