Sostieni i nostri fratelli studenti donando a domenica del rosario

Il Buon Pastore dà la vita per le sue pecore

Non c'è dubbio che la pandemia di Coronavirus sia una tragedia globale. È stato straziante sentire la notizia di molti morti settimanalmente. Tuttavia, mi sono reso conto che il Signore mi ha provvidenzialmente offerto l'opportunità di prepararmi per la mia imminente ordinazione presbiterale in un modo unico.

Prima di tutto, la pandemia mi dà una visione realistica del mondo in cui sono mandato a servire. È un mondo spezzato, timoroso, pieno di ansia e confinante con la disperazione, in cui le persone stanno lottando per dare un senso a tutto ciò. Come predicatore, ho bisogno di essere un araldo della speranza e della pace incentrate su Cristo. Nostro Signore Gesù nell'Ultima Cena rassicurò gli Apostoli, preoccupati per ciò che stava per accadere, dicendo: «La pace vi lascio; la mia pace ti do. Non come lo dà il mondo, io lo do a voi» (Gv 14). Infatti, «Egli è la nostra pace» (Ef 27). Poiché Cristo è la nostra pace, devo restare connesso alla sorgente di questa pace soprannaturale per donarla agli altri. Allo stesso modo, se devo predicare la luce di Cristo a un mondo oscuro, ho bisogno di seguirlo da vicino ed essere riempito della sua luce di vita, in modo da essere fedele al suo comando: "Tu sei la luce del mondo" ( Mt 2, cfr Gv 14). In quanto tale, poiché sto per essere ordinato per assistere i malati ei moribondi, ho bisogno di intensificare la mia vita di preghiera, preparandomi così spiritualmente. Gesù incoraggiò i suoi seguaci a pregare assiduamente, come quando ammonì Pietro, Giacomo e Giovanni nell'orto del Getsemani dopo l'Ultima Cena: “Vegliate e pregate affinché non vi troviate alla prova. Lo spirito è pronto, ma la carne è debole» (Mt 5).

Per fortuna, in questa pandemia, Vedo molti esempi eroici di sacerdoti che seguono il Buon Pastore e danno la vita per il gregge (cfr Gv 10). Molti degli oltre cento sacerdoti italiani che hanno perso la vita in questa pandemia hanno contratto il virus mentre assistevano i pazienti COVID. Nell'omelia di quest'anno, il Giovedì Santo, Papa Francesco li chiama "i santi della porta accanto". Più vicino a casa, il New York Times ha recentemente presentato quattro sacerdoti domenicani a New York City che attualmente stanno servendo coraggiosamente i pazienti COVID lì. Nella storia della Chiesa non mancano sacerdoti santi che hanno mostrato il più grande amore dando la vita mentre assistevano i malati di malattie contagiose (cfr Gv 11). Mi vengono in mente san Luigi Gonzaga, san Damiano di Molokai e il beato. Francis Xavier Seelos di New Orleans, solo per citarne alcuni. È interessante notare che Bl. Raimondo da Capua, divenuto poi Maestro dell'Ordine Domenicano, fu contagiato da una pestilenza mentre assisteva i malati, ma guarì miracolosamente grazie alla preghiera di Santa Caterina da Siena.

Per concludere, vorrei condividere una citazione di san Giovanni Paolo II dall'Esortazione apostolica Pastores dabo vobis, che non solo coglie l'essenza del sacerdozio, ma è anche particolarmente pertinente nella situazione odierna: “Il servizio dell'amore è il fondamento senso di ogni vocazione, e trova un'espressione specifica nella vocazione sacerdotale. Il sacerdote, infatti, è chiamato a vivere, nel modo più radicale possibile, la carità pastorale di Gesù, l'amore del buon pastore che 'offre la vita per le pecore'» (Gv 10). Spero di avere la carità e la forza d'animo per fare proprio questo. Pertanto, prego ardentemente mentre mi preparo a configurarmi completamente a Gesù nel suo sacerdozio di offerta di sé a Dio Padre, e vi invito ad unirvi a me nella preghiera.


fr. Gregorio Agostino Liu, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI