Sostieni i Fratelli Studenti Domenicani donando a domenica del rosario!

Il mistero dell'incarnazione

La cristologia, lo studio di Cristo e dell'Incarnazione, riceve pochissima attenzione seria in questi giorni tra i cristiani tradizionali. Sospetto che sarebbe difficile trovare molte persone che hanno un'opinione forte e informata su argomenti come l'unione ipostatica o la distinzione tra la volontà umana e divina di Cristo.

In contrasto con l'indifferenza moderna verso la cristologia, l'Incarnazione era, a dir poco, una preoccupazione preminente nella Chiesa primitiva. I primi sei concili ecumenici della Chiesa furono convocati per confutare le nozioni eretiche dell'Incarnazione, discutendo appassionatamente su preoccupazioni apparentemente spaccate e sottigliezze linguistiche. Perché la Chiesa primitiva era così preoccupata di ottenere i dettagli dell'umanità e della divinità di Cristo nel modo giusto? E perché dovremmo preoccuparci che nessuno sembra preoccuparsi oggi? Penso che per capirlo sia utile capire il rapporto tra eresia, ortodossia e mistero.

La scrittrice inglese del 20° secolo, Hilaire Belloc, osserva che gli esseri umani, essendo esseri razionali, cercano perennemente di razionalizzare le cose che non capiscono. Va benissimo quando si tratta di insetti, stelle e cose del genere. Ma quando si tratta dell'Incarnazione, abbiamo a che fare con l'unione della divinità infinita con l'umanità finita. La capacità della nostra mente è limitata. Pertanto, la Chiesa ei grandi maestri della fede insistono costantemente sulla natura ineffabile o indescrivibile dell'Incarnazione. Non importa cosa potremmo dire sull'Incarnazione (e, a quanto pare, c'è molto da dire), in definitiva è al di là dei concetti e delle parole umane. Vale a dire, l'Incarnazione è un mistero. Come dice sant'Agostino: "Se lo comprendi, non è Dio".

Belloc sostiene che è caratteristico dell'eresia cristologica ridurre il mistero dell'Incarnazione a qualcosa di meramente razionale. In altre parole, l'eresia è sempre un tentativo di confinare l'Incarnazione nell'ambito della comprensione umana. L'eresia, in un modo o nell'altro, mina inevitabilmente o la divinità o l'umanità di Cristo. Se esaminiamo la documentazione conciliare della Chiesa, è chiaro che la Chiesa è consapevole di questo pericolo. Qualsiasi compromesso teologico sulla piena divinità o sulla piena umanità di Cristo è giudicato eretico. Gesù Cristo è sia veramente Dio che vero uomo, come rivelato da Dio attraverso le Scritture. Indipendentemente da come qualcuno potesse cercare di spiegare in modo errato questo fatto, la Chiesa non si sarebbe mai mossa nel tenere insieme i due.

E loda Dio che l'Incarnazione è misteriosa e che la Chiesa primitiva ha combattuto con le unghie e con i denti per proteggerla! Se una qualsiasi delle eresie razionalizzatrici fosse prevalsa nella Chiesa primitiva, il cristianesimo sarebbe certamente svanito insieme all'eresia, essendo la Fede ridotta a un gnomo gobbledgook.

Il mistero è una buona cosa per noi. Il mistero ha l'effetto paradossale di attirare in sé una persona. Sfugge alla presa della mente, eppure cattura il cuore. E in un mistero infinito, come l'Incarnazione, c'è sempre qualcosa in più da scoprire. Il mistero dura. E conta per noi oggi, perché sono proprio i misteri della nostra fede, in particolare il mistero dell'Incarnazione, che informano la nostra spiritualità, liturgia e sacramenti cristiani. Essere cristiano è essere in Cristo, partecipare alla «comunione del mistero», come dice san Paolo. Quindi, alla fine, se sbagliamo Cristo, di conseguenza sbaglieremo noi stessi e la nostra adorazione sbagliata.

(Didascalia foto: l'icona principe della Pace raffigura il Cristo pre-incarnato. Sottolineando la divinità di Cristo, questa icona nella Chiesa primitiva era una confutazione diretta dell'eresia ariana, che negava la piena divinità a Cristo. Scritto da p. Brendan McAnerney, OP 2021.)

fr. Cassiano Smyth, OP | Incontra i fratelli in formazione QUI