Sostieni i nostri fratelli studenti donando a domenica del rosario

La notte è sempre più buia prima dell'alba

Salmo 130:6-7 "L'anima mia cerca il Signore
più che sentinelle all'alba.
Più che sentinelle per l'aurora,
speri Israele nel Signore,
Perché presso il Signore è misericordia,
presso di lui è l'abbondante redenzione»,


Quando puoi, rileggi i miracoli di Gesù, specialmente nei Vangeli sinottici (Matteo, Marco e Luca). Sono spesso colpito dall'enorme quantità di miracoli compiuti da Gesù. In un capitolo, solo in Matteo 8, Gesù guarisce un lebbroso, il servo del centurione e la suocera di Pietro. Poi insegna, calma la tempesta sul mare e scaccia i demoni dai demoniaci Geraseni. Ha fatto tutte queste cose in un solo capitolo! E fece anche molti altri miracoli in altri luoghi: i ciechi vedono, gli zoppi camminano, i sordi odono e i morti risuscitano.

Poi venne la Sua crocifissione. I discepoli videro il grande profeta, il loro maestro, il Cristo, condannato come criminale e crocifisso su una croce. L'uomo su cui avevano riposto tutte le loro speranze, l'uomo che ha compiuto grandi miracoli, l'uomo per il quale la gente aveva deposto i propri mantelli mentre era entrato a Gerusalemme, fu giustiziato come un criminale comune. Quanto devono essere stati abbattuti i discepoli! Come doveva essere sembrata buia la loro notte. Così anche noi possiamo sentire che la nostra stessa situazione è oscura.

La gente potrebbe aver sperato oltre ogni speranza, creduto oltre ogni immaginazione, che la Sua morte non fosse duratura, che sarebbe successo qualcosa per la redenzione di Israele e forse del mondo. Poi passò un giorno. E un altro. Come si sentirono i seguaci di Gesù in quel periodo? Era rimasta qualche speranza nel taumaturgo Gesù di Nazareth? Erano tentati dalla disperazione. E quante volte facciamo lo stesso? È facile rinunciare alla speranza, sentirsi privi di scopo e sconfitti.

Fino al terzo giorno.

Gesù è risuscitato dai morti! Paolo dice nel suo sermone all'Areopago: "[Dio] ha dato conferma a tutti risuscitandolo dai morti” (Atti 17:31). Questa è la nostra testimonianza di cristiani: che Cristo è risorto dai morti affinché possiamo credere e conoscere l'amore di Dio e la verità della Risurrezione.

La notte è sempre più buia prima dell'alba. Nel momento in cui tutto sembrava finito e veramente perduto, Gesù è tornato. La sua resurrezione fu come i primi raggi di sole che spuntano all'orizzonte, segnalando la fine della notte e l'inizio di un nuovo giorno.

Tra le nostre lotte e questa pandemia, dobbiamo tenere a mente che le cose potrebbero diventare più oscure e più difficili, ma l'alba arriverà. Forse non tra tre giorni o tre mesi, ma dobbiamo avere speranza. Cristo ha vinto l'ultimo nemico: la morte. Il Figlio verrà e noi risorgeremo con lui. Aspettiamo, anelando e sperando la nuova alba, come le sentinelle aspettano l'alba.


fr. David Woo, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI