Sostieni i Fratelli Studenti Domenicani donando a domenica del rosario!

La pace del tempo di Pasqua

A 21 anni, mi sono seduto in un vagone in un caldo pomeriggio di agosto che si snodava attraverso la campagna montagnosa francese sulla strada per Lourdes dalla Spagna. La Giornata Mondiale della Gioventù 2011 a Madrid era finita e io stavo andando in Francia. Ho registrato quanto segue quando il treno ha iniziato ad avvicinarsi a Lourdes:

“Appena il treno si è avvicinato a Lourdes ho provato questo improvviso senso di pace; Ho perso ogni voglia di parlare e volevo solo stare tranquilla in silenzio. La Madonna veglia su questo luogo: finora sono rimasto molto colpito».

Potevo dire che stavo entrando in un luogo sacro per via della pace che mi accolse mentre mi avvicinavo. Tale pace ci saluta anche in questo tempo pasquale, che è un tempo sacro per noi cristiani.

Ogni anno mi colpisce come i canti tradizionali delle liturgie pasquali mettano in risalto la pace che porta Cristo risorto. Trasmettono un importante punto teologico: la vittoria di Cristo sul peccato e sulla morte non produce un giubilo clamoroso, una celebrazione rumorosa e rauca, ma la pace gioiosa e dolce prodotta dalla riconciliazione dell'umanità e di tutta la creazione con il loro Creatore.

Questo è in netto contrasto con i lamenti della liturgia del Venerdì Santo, in particolare il Impropria: “Popolo mio, cosa ti ho fatto? Come ti ho offeso? Rispondetemi!

Io ti ho condotto fuori dall'Egitto, dalla schiavitù alla libertà, ma tu hai condotto il tuo Salvatore alla croce».

Inoltre, per noi domenicani, la fine del racconto della passione cantata del Venerdì Santo termina con il tono di lamento. Usiamo lo stesso tono quando cantiamo le Lamentazioni del profeta Geremia durante una liturgia speciale durante il Sacro Triduo chiamato "Tenebrae".

Durante la liturgia pasquale, invece, i lamenti dolorosi e angoscianti lasciano il posto ai canti che significano la pace donataci da Cristo risorto: risurrezione, et adhuc tecum sum, alleluia.-Sono risorto, e sono sempre con te, alleluia.

Tutto questo dovrebbe formare l'immaginario cattolico e il nostro modo di guardare il mondo. Liturgicamente, il dolore e l'angoscia vengono superati, non con una squillante glorificazione della vittoria, ma con la dolce pace offerta dal Cristo mite e umile, morto e risorto per riconciliare i peccatori con Dio.

Ricorda che quando la presenza del Signore passò dal profeta Elia, la presenza del Signore non era nel terremoto, nel vento o nel fuoco, ma in un dolce sussurro (1 Re 19:11-13). A quel sussurro, Elia nascose il viso. Allo stesso modo, potevo dire che Dio era presente con me su quel treno francese a causa della dolce pace che è venuta in me, una pace che il mondo non poteva dare.

Ora incontriamo la presenza di Dio nella pace pasquale offerta da Cristo Risorto: "La pace sia con voi!" (Giovanni 20:19). Quella pace di Cristo può sembrare troppo piccola e gentile per manifestare la presenza di Dio. Cerchiamo piuttosto di trovare Dio nella clamorosa celebrazione della vittoria pasquale. La liturgia, invece, ci indirizza al dolce sussurro della pace pasquale.

Rev. Fr. Joseph Selinger, OP. | Incontra i fratelli in formazione QUI