Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Il Secondo Mistero Doloroso: La Flagellazione al Pilastro

Una delle prime sfide che affrontiamo quando meditiamo sul Secondo Mistero Doloroso è che i Vangeli forniscono solo una quantità minima di contenuti espliciti su cui concentrarsi. Giovanni si limita a registrare una sola frase: "Allora Pilato prese Gesù e lo fece flagellare" (Giovanni 19:1). Nel commentare questo brano, san Tommaso d'Aquino ci invita a rimpicciolire per cogliere il fatto che anche questo dettaglio è stato predetto da Cristo. L'evangelista Matteo ricorda: «[Lo consegneranno] ai pagani perché sia ​​schernito, flagellato e crocifisso...» (Mt 20). Perciò la flagellazione è parte integrante del cammino che conduce all'ora finale, all'ultima ora. nobile offerta finale di Gesù.

Gesù sapeva che stava arrivando l'ora della sua morte e predisse che la flagellazione sarebbe stata parte integrante di questo cammino. Eppure, come la morte di Gesù non è un momento di umiliazione, così anche la sua flagellazione rappresenta un momento importante lungo il cammino della glorificazione del Padre. Allineò la sua volontà e si volse verso la nobile morte che stava arrivando. Predisse che la Sua passione avrebbe incluso sia la flagellazione che lo scherno. Lo disse ai suoi eletti, perché sapessero che tutto porta alla glorificazione del Padre. Nulla è sprecato, poiché ogni colpo che si abbatteva sulla Sua pelle era unito al Padre, in vista della fine gloriosa che ne sarebbe derivata. Sapendo che stava sopportando il dolore per ogni singola persona umana, Gesù proseguì e mantenne il suo silenzio nell'adempiere la profezia di Isaia:

fu oppresso e afflitto,
eppure non aprì bocca;
come un agnello condotto al macello,
e come pecora muta davanti ai suoi tosatori,
così non aprì la sua bocca. (Isaia 53:7)

Abbiamo una posizione privilegiata poiché noi, come i primi discepoli di Gesù, cerchiamo solo di comprendere il significato della flagellazione di Gesù dopo che è stato glorificato. Quindi, guardando indietro, la nostra posizione è quella di cercare le verità nascoste che restano da scoprire dietro il velo di questo mistero. La flagellazione in sé non è incredibilmente interessante. Sangue che cola, dolorosi rantoli d'aria, in attesa del prossimo colpo; questi non attirano attivamente la nostra attenzione. La gloria del Padre, però, interessa gli amici di Gesù. Poiché sappiamo che Gesù ha dato la vita per coloro che sono suoi, anche l'aspetto più raccapricciante della sua flagellazione irradia significato e punge il nostro interesse. Se è vero che anche la più piccola goccia di sangue che gocciola dal pilastro delle Sue catene avrebbe potuto essere sufficiente per salvare ognuno di noi, questa era solo una tappa lungo il cammino verso l'ultimo momento di gloria. Il dolore di Gesù assume un senso a causa di chi Egli è, per cui ha volontariamente permesso a Pilota di abbatterlo attraverso le azioni dei soldati romani.


fr. Matthew Wanner, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI