Sostieni i Fratelli Studenti Domenicani donando a domenica del rosario!

Le due Trinità

"... Seduto sulla riva, e i suoi occhi non erano mai asciutti di lacrime, e la sua dolce vita stava svanendo, mentre desiderava tristemente il suo ritorno."

Tale è lo stato pietoso dell'eroe epico di Omero, Ulisse, all'inizio del suo viaggio di ritorno a casa. Per sette anni rimase bloccato sull'isola paradisiaca di Ogigia e imprigionato dalla dea amorosa Kalypso che gli offrì il premio dell'immortalità in cambio di lui come marito. Sorprendentemente, la suprema delizia del paradiso e la compagnia della dea immortale non potevano cancellare dal suo cuore il suo desiderio di essere a casa. Invece, Ulisse disprezzò la sua offerta e pianse giorno dopo giorno in riva al mare, desiderando ardentemente essere a casa con sua moglie e suo figlio a Itaca. La nostra famiglia terrena, la nostra casa, sembra essere un'immagine del cielo, un porto in cui è ancorata e riposata la nostra anima, le cui vele rotte, squarciate dalla tempesta della vita, sono rattoppare. Per Ulisse, Itaca, la sua casa, lo chiama. E il suo cuore non avrebbe trovato riposo fino al suo definitivo ritorno.

In Cristo e nella Sacra Famiglia vediamo un'immagine perfettissima. Per trent'anni Gesù visse con Maria, sua Madre, e san Giuseppe falegname, suo padre putativo, formando così «una comunione di persone, segno e immagine della comunione del Padre e del Figlio nello Spirito Santo» (Catechismo della Chiesa Cattolica 2205)—una Trinità Terrestre—un'ombra della Trinità Celeste qui sulla terra.

Non uno sguardo di uno, ma gli altri due capiti, espressi, meglio che espressi in mille parole, anzi più che compresi, accettati, riecheggiati, corroborati. Era come tre strumenti assolutamente intonati che vibrano tutti quando uno vibra, e vibrano o la stessa nota, o in perfetta armonia (San Giovanni Enrico Cardinale Newman).

Che bella immagine! Eppure anche questa è solo un'ombra passeggera di ciò che la Divina Trinità, cioè «una triplice luce raccolta in un solo splendore» (S. Gregorio Nazianzeno). La morte è entrata naturalmente nella Sacra Famiglia. Giuseppe è morto per primo. Poi Gesù. Quando la natura umana da lui assunta ebbe raggiunto la piena perfezione, Cristo si offrì sull'altare del sacrificio al suo Padre celeste davanti allo sguardo stesso della sua Madre benedetta in un atto di amore supremo, affinché anche noi diventiamo figli e figlie della sua Padre. Eppure, anche attraverso la morte, la Sacra Famiglia è stata finalmente riunita in Dio.

A differenza di Ulisse, ma come Cristo, la nostra patria è in paradiso. Ma significa che dobbiamo prendere alla leggera anche la nostra famiglia terrena? No. Al contrario, Cristo, nascendo in una famiglia umana, l'ha santificata. Ciò che ha preso, lo ha redento. Inoltre, la nostra famiglia terrena ha lo scopo di suscitare in noi il desiderio del cielo. L'amore che abbiamo sperimentato qui dovrebbe risvegliare in noi una sorta di desiderio. È precisamente perché è così bello, ci fa desiderare, credendo che da qualche altra parte ce ne debba essere di più. E questo desiderio non si realizzerà mai finché non saremo arrivati ​​alla casa del Padre nostro. Come Ulisse, piangeremo e piangeremo davvero in questa valle di lacrime. Beati quelli che piangono, perché saranno consolati (Mt 5). Eppure, piangendo, crediamo fermamente e speriamo con fiducia che Gesù è andato a prepararci un posto nella casa del Padre, e molti sono entrati prima di noi. E Cristo lo farà vieni ancora e portaci a Sé, e dov'è Lui, saremo anche noi (Gv 14:3). Asciugherà ogni lacrima dai loro occhi e la morte non ci sarà più (Ap 21: 4).

fr. Xavier Marie Wu, OP | Incontra i fratelli in formazione QUI