È ora di abbandonare la "Giornata di preghiera per la vita" per la "Giornata di azione per la vita"?

Nel gennaio 22nd, l'anniversario di Roe contro Wade, noi cattolici abbiamo la Giornata di preghiera per la protezione legale dei nascituri e in California, di solito la Walk for Life, il sabato più vicino. Ma è ora di smettere di concentrarsi troppo sul radunare i cristiani alla preghiera e alla protesta? Dovremmo avere un giorno di Pro-Life Action invece, un giorno in cui ci concentriamo sul fare qualcosa per propagare la verità a favore della vita invece di parlarne solo con Dio e l'un l'altro, per quanto buono sia?

Personalmente, sono un uomo d'azione; Mi piace fare le cose e non solo parlare di fare le cose, e quindi avere una giornata di azione per la vita mi attira, perché credo che manchi un'evangelizzazione pro-vita di impatto, dove l'obiettivo è conquistare i cuori e menti degli individui. Non fraintendermi. Il movimento, così com'è, is avere risultati misurabili ed è salvare vite e salvare anime, ma abbiamo ancora bisogno di altro. Il Cammino per la Vita è grande, la preghiera è grande, ma come possiamo conquistare anche i cuori e le menti dei pro-choicer, o quelli "indecisi" o indecisi?

Una delle cose che manca, mi sembra, è tradurre il ragionamento morale a favore della vita (solido come una roccia) in passi attuabili che la persona media può intraprendere per aiutare. L'obiettivo non è solo avere la conoscenza, ma conquistare i cuori e le menti di coloro che non lo fanno. Avere una giornata di "Azione per la vita", una giornata per creare consapevolezza su come rendere "Pro-vita" meno su "una convinzione" e più su "un movimento" alla base, potrebbe essere un buon nuovo obiettivo.

Comunque sia, non credo che si possa “abbandonare” il giorno della preghiera, ed ecco perché. Siamo cristiani, e sappiamo che se vogliamo fare qualcosa di buono in questo mondo, lo facciamo come strumento di Dio; che lo stiamo facendo settembre con Dio – o meglio – che Dio lo stia facendo con noi. Facevo evangelizzazione di strada a favore della vita con il Canadian Centre for Reform, prima di entrare nei domenicani. Spero di fare qualcosa del genere anche dopo che sarò stato ordinato. Stavamo vincendo decine di cuori e menti ogni singolo giorno siamo andati per strada. Questa non è un'esagerazione; è successo proprio davanti ai nostri occhi quando abbiamo parlato con le persone. Ma ciò che io e gli altri stagisti abbiamo capito è stata la netta differenza che ha avuto il nostro impatto quando abbiamo pregato e abbiamo invocato esplicitamente lo Spirito Santo prima di uscire, rispetto a quando ce ne siamo dimenticati. Quando invocavamo lo Spirito Santo, di solito era sorprendente e avevamo numerosi convertiti; ma quando non lo facevamo, i risultati erano marginali.

No, sia l'azione che la preghiera sono indispensabili e inseparabili. Tutte le cose devono iniziare e finire con Dio, e niente di buono in questo mondo, nessuno sforzo da parte nostra per migliorare questo mondo in cui viviamo avrà importanza a meno che non sia così (Oltre a me non puoi fare niente | Giovanni 15:5). La preghiera deve sempre precedere l'azione, ma anche l'azione deve seguire la preghiera. Quindi, preghiamo per i nascituri, e alziamoci e agiamo per difenderli.


fr. Crisostomo Mijinke, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI