Prova questo strano trucco benedettino (i demoni ti odieranno per questo!)

Prima di entrare nei domenicani, ho frequentato un seminario diocesano gestito da monaci benedettini, uno dei quali era il mio direttore spirituale. Una volta mi ha dato un consiglio, qualcosa che lui e molti dei monaci stessi hanno fatto: trova una cosa con cui fare ogni pasto per mortificarti. Prendete un dolce in meno, o non salate le patate, né saltate la salsa piccante, né scegliete il vino più economico (o saltate)… Questo favorisce il distacco dal bisogno di avere sempre le cose migliori, praticando la virtù del godimento. Non è così che non puoi più goderti un pasto, però! In effetti, sarebbe “cattivo”, (una nostra deficienza), essere incapace per gustare veramente il buon cibo. Io stesso amiamo un buon espresso o un delizioso salmone rosso fatto alla perfezione (mio padre è uno chef francese dopotutto), quindi il cibo delizioso e semplice fa parte della mia famiglia, chi sono e cosa amo. Ma c'è una distinzione tra divertimento e attaccamento!

…c'è una distinzione tra divertimento e attaccamento!
Godendo qualcosa significa poterne provare la bontà, e quanto più il nostro palato diventa raffinato (come un intenditore per il vino), quanto più possiamo apprezzarlo e gustarlo. Lo stesso San Francesco d'Assisi, uomo abituato all'automortificazione e al distacco dalle comodità, amava i biscotti alle mandorle. È un buono cosa per imparare ad apprezzare le cose buone che abbiamo e ci sono state date da Dio, dagli altri e dal nostro duro lavoro.

Allegati, d'altra parte, è un modo abbreviato di riferirsi all'"attaccamento disordinato" e non ha nulla a che fare con il godere delle cose buone o con il soddisfare i nostri bisogni fondamentali di vita di cibo e compagnia. Si chiama attaccamento disordinato quando è, beh, "non ordinato" - quando non avere una tazza di buon caffè ti rovina l'intera giornata, per esempio. O se non ti stai comportando come sperato a scuola/lavoro/vita familiare, ecc. e perdi la tua pace e felicità più profonde. Non c'è niente di sbagliato nell'essere disturbati dalle cose, ma quando sei eccessivamente attaccato a qualcosa, significa che tu perdi la pace Senza esso. Significa che il tuo senso più profondo di pace, amore e felicità non è radicato in Dio ma in altre cose di minore importanza. I santi sono stati in grado di essere felici solo sulla base della loro relazione con Dio – e questo è il nostro obiettivo.
“Qualunque cosa un uomo ami, inevitabilmente si aggrappa, e per non perderla rifiuta tutto ciò che glielo impedisce. Perciò chi ama Dio coltiva la pura preghiera, scacciando ogni passione che lo trattiene da essa». - San Massimo il Confessore

Questo è anche lo scopo della Quaresima: una stagione in cui concentrarsi sul distaccarsi di nuovo dalle cose che abbiamo imparato a considerare "necessarie" per la nostra felicità e pace. Il distacco potrebbe portare infelicità a breve termine mentre ci costringiamo a lasciar andare le cose a cui siamo eccessivamente attaccati, ma porta pace a lungo termine, poiché la nostra felicità non si basa più sulle cose di cui non abbiamo bisogno, ma su Dio .

“Non accumulatevi tesori sulla terra, dove tignola e ruggine consumano e dove i ladri scassinano e rubano, ma accumulatevi tesori in cielo, dove né tignola né ruggine consumano e dove i ladri non scassinano e non rubano. Perché dov'è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore». Matteo 6.

È qui che entra in gioco questo piccolo trucco. Il digiuno (un mezzo di automortificazione) non è sempre possibile per alcuni di noi, o non ci siamo abituati o sembra troppo difficile. Ma uno degli scopi principali del digiuno è imparare a distaccarsi dai nostri desideri disordinati e riattaccarci a Dio. Questo piccolo trucco - imparare a stare bene con la scelta del piacere fisico minore per coltivare il bene spirituale - è un buon punto di partenza, o anche una buona pratica continuativa anche dopo la Quaresima.


fr. Crisostomo Mijinke, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI