Sostieni i nostri fratelli studenti donando a domenica del rosario

Il Big Bang è stato il momento della creazione?

Il Big Bang è stato il momento della creazione... o no? fr. Pascal Strader, OP aiuta a spiegare le considerazioni cosmologiche e teologiche in questa affermazione.

Il Big Bang è stato l'inizio dell'universo? Sinceramente non lo so. So che c'è stato un inizio dell'universo, perché questo è un articolo di fede. Non so se il Big Bang sia stato il primo momento. I cosmologi hanno idee diverse su questo e le teorie scientifiche continuano ad evolversi.

Ai tempi di Einstein, il paradigma cosmologico prevalente era l'universo dello stato stazionario, con stelle e galassie stazionarie che sono sempre esistite. Fr. Georges Lemaître ha ribaltato questo paradigma mostrando che la teoria della relatività generale di Einstein consente o addirittura supporta un universo in espansione. Presto, le osservazioni che le galassie si sono allontanate l'una dall'altra hanno confermato che l'universo si sta espandendo. Lemaître dedusse che se andassi abbastanza indietro nel tempo, troveresti tutta l'energia e la materia dell'universo compresse in un atomo primordiale. Calcoli successivi nella relatività generale suggerirono che ci sarebbe stata una singolarità, un punto di densità infinita. Sembrava naturale chiamare questo un inizio nel tempo, ma Lemaître è stato attento a distinguere tra il suo modello scientifico e la verità rivelata che l'universo ha avuto un inizio.

La cosmologia ha continuato a svilupparsi da allora. In questi giorni, quando gli scienziati fanno riferimento alla teoria del Big Bang, non stanno parlando di un punto temporale iniziale, ma del processo di espansione universale da un precedente universo caldo e denso. Ci sono ora alcuni modelli cosmologici interessanti in cui questo stato caldo e denso non è un inizio nel tempo e in cui non c'è un inizio nel tempo (si veda ad esempio lo scenario di inflazione eterna di Andrei Linde). Queste teorie sono speculative e spesso controverse, anche tra i cosmologi. Altri hanno sviluppato teoremi matematici che dimostrano, dati alcuni presupposti generali, che tracciare la storia delle cose nell'universo non può tornare indietro per sempre (si veda ad esempio il teorema BVG e il lavoro di Aron Wall con la seconda legge della termodinamica generalizzata).

Cosa direbbe San Tommaso d'Aquino a riguardo? Ai suoi tempi, c'era un'altra controversia sul fatto che l'universo avesse avuto un inizio o meno. I teologi cristiani discutevano sulle ragioni di Aristotele e Avicenna per pensare che il mondo non avesse un inizio nel tempo. Tommaso d'Aquino sosteneva che la ragione senza l'ausilio della rivelazione non poteva determinare se il tempo avesse avuto un inizio o meno (ST I, q. 46, a. 2). Se Dio avesse voluto creare un mondo senza un inizio nel tempo, avrebbe potuto. Se lo avesse fatto, diremmo comunque che il mondo è stato creato, a causa di una dipendenza causale da Dio. Tommaso d'Aquino pensava che non ci fosse nulla che potessi guardare al mondo che potesse dirti se questo mondo è sempre esistito o meno. Sappiamo invece che c'è stato un inizio solo perché ce lo dice Dio, attraverso la Scrittura.

Tommaso d'Aquino può benissimo avere ragione sul fatto che non ci sono osservazioni o calcoli che possiamo fare per dirci definitivamente che il tempo ha avuto un inizio. Ma credo, per fede, che abbia avuto un inizio. Qualunque cosa dica l'attuale consenso scientifico o la mancanza di consenso sull'inizio, possiamo ancora meravigliarci della bellezza, della bontà e dell'ordine dell'universo e ragionare sulla sua dipendenza dal potere creativo di Dio.

fr. Pasquale Strader, OP | Incontra i fratelli in formazione QUI