Sostieni i nostri fratelli studenti donando a domenica del rosario

Raccoglieremo il nostro raccolto

Quando stavo crescendo, la mia famiglia aveva un giardino. Ci sarebbe stato un certo giorno a metà primavera, un giorno caldo e asciutto, in cui avremmo iniziato i lavori di semina. La prima cosa da fare era preparare il terreno, e così abbiamo sradicato le erbacce che erano cresciute in autunno e morte in inverno. Spaccando la terra dura e screpolata con pale e zappe da giardino, l'abbiamo versata sul terreno fresco e l'abbiamo mescolato. Infine, abbiamo scavato lunghi solchi per i semi.

Da bambino, la prima parte era la più difficile. Il sole tramontava cocente e le mie piccole braccia e le mie mani morbide trovarono doloroso il travaglio. Eppure, ogni tanto mi stupivo di scoprire una mantide nel mucchio di erbacce o una coccinella nell'erba.

Mi è sempre piaciuto piantare semi. Le loro varie forme e dimensioni mi hanno deliziato e mi sono meravigliato di quanto fossero diversi da quello che sarebbero diventati. I miei genitori mi hanno insegnato quanto dovevo distanziare ogni varietà, quindi, stringendo piccole manciate di semi alla volta, li premevo con cura uno per uno nel terreno soffice o li lasciavo cadere in flussi costanti sul letto di semina. La semina è stata completata con una coltre di terra sui filari.

Poi venne il gioco dell'annaffiare e dell'attesa, del salutare allegramente i primi barlumi di verde e segnare metodicamente le foglie, gli steli e i fiori che maturano, avvistare i frutti infantili e discernere il loro tempo di maturazione. Alla fine, coglierei volentieri il frutto dalla sua pianta e lo porterei trionfante dentro.

Questi ricordi sono ricchi per me, soprattutto a causa della Scrittura. Perché nella parabola del seminatore, nostro Signore parla di terreno preparato, terreno che non è né roccioso né spinoso. Tale fondamento indica un'anima che è paziente nelle prove e perseverante, senza indebito affetto per le cose che muoiono, pacifica e senza paura di ciò che potrebbe affrontare. Preparare un'anima così per noi stessi, tuttavia, non è un compito facile. Eppure, come canta il Salmista, «Coloro che escono piangendo, portando sacchi di seme, ritorneranno con grida di gioia, portando i loro covoni fasciati» (Sal 126). Quindi, all'interno di una visione senza tempo, il nostro dolore presente produce gioia futura. Quanto è importante, allora, togliere le erbacce!

San Paolo parla anche di semi. I nostri corpi sono come i semi, dice: piccoli, deboli, imperfetti, e devono morire, devono essere seminati. Eppure, che meraviglia!, siamo chiamati a una sorta di trasformazione, come il seme si trasforma nella pianta. Ogni giorno lavoriamo per prepararci, spargerci nell'amore per l'altro, sperando che la preziosa Parola di Dio, custodita nei nostri poveri vasi, possa raggiungere gli altri. Generosa, infatti, dovrebbe essere la nostra fiduciosa dispersione; poiché «chi generosamente semina, anche generosamente mieterà» (2 Cor 9).

Infine, aspettiamo che i semi crescano e diano frutto. Questo non avviene attraverso l'arte umana, anche se possiamo trarre profitto dal terreno e rimuovere nuove erbacce. Solo il nostro Dio può causare la crescita; solo Lui può concederci una partecipazione alla Sua risurrezione.


fr. John Peter Anderson, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI