Sostieni i Fratelli Studenti Domenicani donando a domenica del rosario!

Che cos'è la libertà?

In un certo senso, la domanda sembra avere una risposta così ovvia che può sembrare strano anche solo chiederla. Che altro c'è da dire se non che la libertà è la capacità di scegliere tra decisioni opposte o contrarie? Eppure è la libertà che ha un peso così monumentale nella vita morale. È la pietra angolare, se vuoi, di quel possente edificio che racchiude la capacità umana di amare o odiare, di seguire Dio o di voltare le spalle. Eppure, a questo quadro di riferimento della libertà manca qualcosa di essenziale: manca il corretto orientamento dell'umanità al bene.

San Tommaso d'Aquino ci dice che la capacità di peccare è solo accessoria alla nostra libertà: è una deviazione da ciò che la libertà dovrebbe essere. Questo potrebbe sembrare sorprendente, ma la verità di questo insegnamento è radiosa. Nessuno sceglie di fare il male visto come il male. Invece, gli atti malvagi sono sempre giustificati in qualche modo in modo che possano essere presentati come buoni. A volte, queste giustificazioni possono essere abbastanza intelligenti e sottili. Altre volte, possono essere superficiali e fragili. In ogni caso, il male deve apparire come un bene. Un semplice esempio: un ragazzo entra in un negozio e vede una barretta di cioccolato. Questa barretta di cioccolato, pensa, gli fa bene, ma non ha soldi. Decide che prendere la barretta di cioccolato è così importante per lui - il suo desiderio di soddisfare la sua golosità prevale completamente su altre considerazioni - che determina che rubare le caramelle è un mezzo accettabile per ottenerlo. Quello su cui voglio qui soffermarmi è il fatto che il furto fosse giustificato, almeno per quanto riguarda il ragazzo, per l'acquisizione del bene che ne consegue.

Tuttavia, l'assenso alle tendenze peccaminose ha l'effetto quasi paradossale di sottrarre quella stessa libertà che pretende di difendere. La vita della vera libertà è invece essenzialmente connessa all'edificazione della virtù. Faccio un esempio. Quando un uomo è coraggioso, può comportarsi con coraggio quando è tentato dalla paura a non fare ciò che dovrebbe essere fatto, qualunque cosa sia. Mentre chiunque è in grado di immaginare di agire coraggiosamente e di inventare eroici mentali, l'esecuzione di questi pensieri quando si presenta il bisogno è impossibile se quella persona non è coraggiosa. La paura si alzerà come una marea e laverà via la persona senza coraggio; solo i coraggiosi possono resistere. Se qualcuno non è coraggioso, allora quel qualcuno non è libero di agire con coraggio. Le virtù procedono tutte in questo modo. Ci donano una meravigliosa capacità di fare cose che una volta erano impossibili da fare; ci liberano dall'inettitudine dei vizi.

È come lo sviluppo di una donna a cui piace dipingere in un'artista. All'inizio, i suoi dipinti sono rozzi e sgraziati, ma con perseveranza, pratica, ripetizione, guida e qualsiasi altra cosa sia necessaria, cresce nella pienezza della sua arte. Una volta poteva solo fare approssimazioni approssimative di ciò che aveva visto e immaginato, ma ora si esprime con disinvoltura e grazia. Senza questa padronanza dell'arte della pittura, come nel caso della vita virtuosa, si ha un impoverimento radicale di ciò che si può fare. Il peccato può presentarsi come una moltitudine di scelte, ma queste sono scelte false che portano a una sorta di paralisi. Guardate invece allo sviluppo e alla promozione della virtù per trovare la pienezza dell'espressione umana in tutta la sua creatività, bellezza e bontà.


fr. Thaddeus Frost, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI