Perché Gesù si chiamò Figlio dell'uomo?

In tutta la tradizione evangelica, Gesù si è definito Figlio dell'uomo; 81 volte, per la precisione. Quando Gesù guarì e perdonò il paralitico dei suoi peccati, i farisei lo accusarono di “blasfemia” per aver usurpato un ruolo riservato a “Dio solo” (Mc 2). Gesù rispose dicendo che Lui, «il Figlio dell'uomo, ha autorità sulla terra di rimettere i peccati» (Mc 7). Dice ai suoi discepoli che il Figlio dell'uomo deve essere rigettato dai capi di Gerusalemme, «ucciso, e dopo tre giorni risuscita» (2). Tra tutti i suoi titoli cristologici, Gesù ha preferito “il Figlio dell'uomo”.

Allora cosa intendeva quando invocava questo titolo? Un modo allettante per rispondere alla domanda è dire che Gesù stava enfatizzando la sua umanità. In effetti, la Scrittura usa la frase, Figlio dell'uomo, come idioma per designare una persona umana. Nel Libro del profeta Ezechiele, che impiega la frase più di ogni altro libro della Bibbia, gli angeli la usano per rivolgersi al profeta Ezechiele: “Ed egli mi disse: 'Figlio dell'uomo, alzati in piedi, e io parlerà con voi'» (Ezechiele 2:1)

Mentre la Scrittura a volte usa la frase come idioma per l'uomo, diventa difficile sostenere che questo fosse il significato inteso da Gesù. Un buon esempio viene dal Giovedì Santo dopo che le guardie del Tempio hanno arrestato Gesù e lo hanno processato davanti al consiglio. Lì Caifa chiede a Gesù se è il Messia, e Gesù risponde: “Io sono; e vedrai il Figlio dell'uomo seduto alla destra della Potenza, e venire con le nuvole del cielo” (Marco 14:62). Caifa, il sommo sacerdote, allora si strappa le vesti e accusa Gesù di bestemmiare contro Dio. In tal modo raduna il consiglio per condannarlo a morte.

Sorge allora una domanda. Perché Gesù, identificandosi come Figlio dell'uomo, dovrebbe incorrere nell'accusa di blasfemia? Dopotutto, bestemmiare significa parlare male di Dio. Un indizio utile per risolvere questo problema viene dall'Antico Testamento. Nel brano di Marco 14 sopra citato, Gesù attinge dalle immagini del Libro di Daniele:

ecco, con le nubi del Cielo venne uno come un figlio dell'uomo, e venne dall'Antico dei Giorni e gli fu presentato. E a lui fu dato dominio, gloria e regno, affinché tutti i popoli, nazioni e lingue lo servissero; il suo dominio è un dominio eterno che non passerà. (Daniele 7:13-14)

Sia al processo che durante i discorsi della Settimana Santa (Mc 13), Gesù si identifica con questa misteriosa figura celeste che cavalca sulle nuvole. Un modo per capire perché i farisei erano arrabbiati per le parole di Gesù è che credevano che il Figlio dell'uomo di Daniele fosse divino. Come ha osservato una volta Benedetto XVI, in Marco 26, «[Gesù] sembrava porsi su un piano di parità con lo stesso Dio vivente»., In effetti, l'immaginario delle nuvole che accompagna il Figlio dell'uomo rappresenta anche la presenza di Dio in tutto l'Antico Testamento. Esodo 40:34-35, 1 Re 8:10-11, Geremia 4:13, Salmo 97:2, Gioele 2:2 sono solo alcuni esempi. Ironia della sorte, il titolo Figlio dell'uomo implica che Gesù è più di un uomo; lui è Divino.

Naturalmente, si potrebbe dire molto di più su questo argomento. Una lezione importante da trarre qui è quanto le parole di Gesù siano profondamente radicate nell'Antico Testamento. Quando Gesù dice qualcosa che ci suona misterioso, il suo significato apparentemente nascosto spesso risiede nelle parole delle scritture ebraiche.


fr. Matthew Heynen, OP | Incontra i fratelli in formazione QUI

, Joseph Ratzinger, Gesù di Nazareth 1.303.