Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Saggio e compassionevole

Matteo 25-1 racconta la parabola delle dieci damigelle che andarono incontro al banchetto di nozze dello sposo. Cinque vergini sagge portarono olio extra per le loro lampade, mentre le altre cinque erano stolte perché non portavano olio extra. Lo sposo era in ritardo, e mentre i cinque saggi avevano abbastanza olio per durare tutta la notte, i cinque stolti dovettero uscire e comprare l'olio. Mentre erano via, arrivò lo sposo e quelli che erano pronti con le loro lampade accese entrarono con lui nel banchetto di nozze. Quando finalmente gli stolti tornarono, la porta fu chiusa e lo sposo negò di conoscerli. La lezione che Gesù ci insegna con questa parabola è che dobbiamo essere sempre pronti per l'ora del suo ritorno, che nessuno tranne il Padre conosce.

Molte persone, tra cui sant'Agostino, interpretano la luce delle lampade come luce della fede e delle buone opere, mentre l'olio nelle lampade è la virtù della carità che alimenta e accompagna la fede e le opere. Compreso alla luce di questo simbolismo, diventa ovvio perché ogni persona è responsabile della propria lampada. Nel contesto della parabola e della lezione che Gesù sta cercando di insegnare, è impossibile condividere il proprio olio, ed è sciocco cercare di acquistare altro olio. Ogni persona può essere responsabile solo di se stessa. Le vergini sagge erano pronte per circostanze potenzialmente avverse e, di conseguenza, sono riconosciute e accettate dallo sposo. Gli stolti, invece, pagano cara la loro imprudenza. Lo sposo li respinge.

Tuttavia, lette al di fuori del contesto di questo simbolismo, le sagge damigelle sembrano fallire nella carità. Sebbene possano essere applauditi per la loro lungimiranza, le loro azioni egoistiche nei confronti delle loro damigelle d'onore sono spaventose. Non hanno compassione quando gli stolti li pregano di condividere dell'olio. Sì, sono saggi, ma non sono compassionevoli. Potrebbe essere possibile che se avessero condiviso un po' del loro olio, non ce ne sarebbe stato abbastanza per nessuna delle damigelle. Tuttavia, in quel caso, forse lo sposo, dopo aver appreso della loro compassione e generosità, avrebbe elogiato ancora di più le sagge damigelle, e potrebbe anche aver finito per far entrare tutti.

Quando sono uscito dalla parabola in questo modo, mi sono spesso chiesto se sarebbe stato... saggio e compassionevole perché le vergini portino olio a sufficienza per sé e per le loro compagne. Ognuno di noi non entra in paradiso da solo. In una certa misura, siamo anche responsabili dei nostri compagni. Potremmo avere delle lampade accese nelle nostre mani quando verrà il Signore, ma dovremo anche rispondere per i nostri compagni. Così, vediamo l'obiettivo della preghiera di intercessione e della predicazione domenicana; cioè, lavorando per la nostra stessa salvezza dedicandoci alla salvezza di coloro che ci circondano. Per grazia di Dio e per intercessione della nostra Beata Madre Maria e del Beato Padre Domenico, possa la nostra luce non essere mai nascosta, ma risplendere luminosa affinché tutti possano vederla.



fr. Martin Maria Nguyen, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI