Sostieni i Fratelli Studenti Domenicani donando a domenica del rosario!

Papa Gesù sarebbe meglio dell'Ascendente Gesù?

Domani è il giovedì dell'Ascensione, che ci ricorda che abbiamo dieci giorni finali del tempo pasquale da goderci prima della domenica di Pentecoste. Il giovedì dell'Ascensione commemoriamo quando nostro Signore Gesù "fu assunto in cielo e sedette alla destra di Dio". (Marco 16:19) Ma perché nostro Signore Gesù ascese al cielo? Non sarebbe stato meglio per la Chiesa se fosse rimasto a guidarci qui sulla terra? Papa Gesù! Il Signore sa che avremmo certamente potuto usare il Suo aiuto per superare tutte le difficoltà che abbiamo affrontato negli ultimi 2000 anni.

Tuttavia, come sempre accade, Gesù aveva a cuore il nostro interesse quando è asceso al cielo. Sebbene Gesù abbia promesso di inviare lo Spirito Santo per guidarci in tutta la verità (Giovanni 16:13) ed è rimasto con noi fino alla fine dei tempi nell'Eucaristia sotto le umili apparenze del pane e del vino (Matteo 28:20; Giovanni 6), ha tuttavia ritirato da noi la sua presenza corporea, umana per almeno tre ragioni molto importanti: aumentare la nostra fede, eleva il nostro speranza, e aiuta a dirigere il fervore del nostro carità.

La virtù soprannaturale della fede è, come ci dice la Sacra Scrittura, «la certezza delle cose che si sperano, la convinzione delle cose che non si vedono». (Ebr. 11:1) Ascendendo al cielo, Gesù ha accresciuto la virtù della fede in tutti noi che non abbiamo visto il Suo corpo umano, risorto e glorificato. Come Gesù dice al fedele san Tommaso Apostolo: "Beati coloro che non hanno visto e hanno creduto". (Giovanni 20:29) È come se questo si potesse aggiungere alle Beatitudini predicate nel Discorso della Montagna! Tuttavia, Gesù non poteva predicare questo in quel momento perché era ancora fisicamente presente a tutti i Suoi ascoltatori!

Inoltre, la virtù soprannaturale della speranza è esaltata dall'ascensione di Gesù perché ora sappiamo che è possibile per la nostra natura umana andare in paradiso. Gesù ci ha detto: "Io vado e vi preparo un posto, tornerò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi". (Giovanni 14:3) La nostra speranza è fortificata e rafforzata perché Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo, ha già percorso il sentiero verso la nostra patria celeste e lì ci aspetta per accoglierci a casa.

Infine, l'ascensione di Gesù ci aiuta a dirigere il fervore inerente alla virtù soprannaturale della carità. Gesù ci insegna durante il suo discorso della montagna che "dov'è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore". (Matteo 6:21) Nostro Signore Gesù Cristo è il vero tesoro di ogni cuore cristiano, così salendo al cielo Gesù ha aiutato a dirigere il fervore caritatevole dei nostri cuori verso il cielo. Come ci ricorda san Paolo, «pensate a ciò che è in alto, non a ciò che è in terra». (Col. 3:2)

In preparazione al giovedì dell'Ascensione, vorrei concludere con una preghiera di ringraziamento: “Grazie Gesù, per aver passato del tempo con i tuoi apostoli e per averci donato la Chiesa. Ma grazie anche per essere saliti al Cielo per aumentare la nostra fede, eleva il nostro speranza, e dirigere il fervore del nostro carità vivere per sempre con Te e con tutti i santi del Cielo. Amen."


fr. John Winkowitsch, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI