Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Devozione al Santo Nome

Mentre celebriamo la Festa del Santissimo Nome di Gesù, la festa titolare della Provincia Domenicana Occidentale, p. Augustine Hilander, OP, il nostro promotore della Holy Name Society, offre le sue riflessioni sulla devozione al Santo Nome.

La maggior parte delle persone considera la devozione come ciò che i cani provano per i loro padroni e ciò che i gatti non provano per nessuno. Ho sentito la frase, "Guarda quanto sono devoti l'uno all'altro", riguardo alle coppie sposate più anziane. I devozionali sono libri venduti a milioni per persone che hanno bisogno di incoraggianti promemoria quotidiani della presenza amorevole di Dio. Sembra che la devozione sia una cosa tutta umana, qualcosa di servile, per i vecchi o per i deboli. La devozione e le devozioni servono a sostenere le persone nella loro debolezza o debolezza. Ma guardando a San Tommaso d'Aquino, OP, ci viene data una risposta diversa.

In primo luogo, San Tommaso ha contrastato questa risposta esatta. Sostiene che la meditazione porta alla devozione. Uno degli argomenti contrari funziona così. Se la meditazione è un'attività superiore della mente e bisogna dedicarsi alla meditazione, allora perché gli uomini e le donne deboli sono spesso chiamati "devoti", dal momento che non sono in grado di meditare sulle cose superiori? Ora, prima che tu mi infili un milione di stuzzicadenti, voglio ricordare al gentile lettore che abbiamo lo stesso problema nel primo paragrafo. In effetti, la società è peggio. La società ci dice che i cani sono più devoti dei cristiani. Allora, cos'è esattamente la devozione?

La devozione è collegata alla parola per fare un voto: devore. Coloro che sono devoti sono coloro che dedicano tutto a Dio. Così san Tommaso conclude che essere devoti è «volontà di darsi prontamente alle cose che riguardano il servizio di Dio» (ST, II-II, 82, 1). Poiché gli esseri umani sono le cose più grandi da offrire a Dio, dobbiamo offrire noi stessi. Lo vediamo nella celebrazione della Presentazione del Signore al Tempio e della Presentazione della Madonna al Tempio. Entrambe le feste sono molto apprezzate dai religiosi e dalle religiose che prendono i voti.

Anche la devozione è collegata alla virtù della religione. La devozione è la disponibilità della volontà ad abbandonare tutto a Dio. La virtù della religione riguarda il dare a Dio ciò che gli è dovuto. La devozione si rende necessaria nel preparare la volontà di dare tutto a Dio.

Quanto è difficile dare qualcosa che amiamo a un altro. “Lo tratteranno bene? Che ne sarà di esso? Lo apprezzeranno? Cosa farò senza?" Queste e molte altre domande ci passano per la mente. Ora l'uomo è la cosa più grande della creazione. Ma se possiamo affidare ciò che è meglio a Dio, che grande atto sarebbe? La devozione ci prepara a questo sacrificio e consegna di tutto a Dio preparando la nostra volontà.

La devozione al Santo Nome di Dio e di Gesù ci prepara per questa offerta piena. Offriamo a Dio l'uso delle nostre labbra per la sua lode e servizio. Siamo chiamati a modellare san Domenico che solo «parlava di Dio o di Dio». Per prima cosa offriamo preghiere a Dio. Per parlare bene di Dio impariamo il suo nome e preghiamo le Litanie del Santo Nome di Gesù. Offriamo anche a Dio i nostri corpi chinando il capo al nome di Gesù. Questo ci dà la corretta comprensione di Dio. Le nostre stesse parole sono offerte a Dio. Offriamo anche a Dio il nostro servizio correggendo coloro che bestemmiano e parlando bene di Dio agli altri. Sentiamo il nome di Dio e di Gesù abusato ogni giorno. Possiamo riparare attraverso l'inchino del nostro capo e le Litanie del Santo Nome di Gesù.

San Tommaso dice che abbiamo un brutto nome per la devozione a causa dell'orgoglio. L'orgoglio ci fa aggrapparci a noi stessi e non darci a un altro. Se ho di più da offrire in questo mondo, voglio ricevere il massimo da esso. Ma l'insegnamento fondamentale di Cristo è sempre stato questo: chi perderà la vita, la salverà. Se offro a Dio tutto ciò che è mio, riceverò il massimo da Dio. Se non lo faccio, perderò quel poco che ho (ed è veramente poco in confronto alla bontà di Dio). Dobbiamo offrire a Dio il nostro atto più alto, che in questo mondo è la meditazione delle cose di Dio.

Non siamo avari con Dio. Riprendiamo la devozione. Non è perché abbiamo bisogno della stampella, ma perché abbiamo tanto da offrire a un Dio molto buono. Nell'offrire devozione al Santo Nome di Gesù, offriamo alcune delle cose più umane in circolazione, le nostre stesse parole.