Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Immacolata Maria: Affrontare il temuto nemico

Nel 1854, papa Pio IX dichiarò la dottrina dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria come dogma della fede cattolica.* Nella costituzione apostolica Ineffabilis Deus, scrive che «la Santissima Vergine Maria, nel primo momento del suo concepimento, per singolare grazia e privilegio concesso da Dio onnipotente, in vista dei meriti di Gesù Cristo, Salvatore del genere umano, fu preservata libera da tutta macchia di peccato originale…”

Ma come può essere questo?

San Tommaso d'Aquino, OP, afferma che, «coloro che Dio sceglie per un fine particolare, li prepara e dispone affinché siano trovati adatti allo scopo per cui sono stati scelti» (ST, III, 27, 4). Poiché Maria è stata scelta per essere la Madre di Dio e la dimora del Verbo Divino, la preparazione è iniziata nel momento stesso del suo concepimento.

Come membro del genere umano, Maria, come tutti noi, aveva bisogno di redenzione. Ma la redenzione di Maria fu diversa da tutte le altre. Oltre alle grazie che le sono state date per la sua chiamata speciale, per i meriti di Cristo non è stata solo mondata dal peccato, ma preservata dal contrarre lo stesso.

“Prima dell'inizio dei tempi, l'Eterno Padre scelse e preparò per il suo Figlio unigenito una Madre nella quale il Figlio di Dio si sarebbe incarnato e dalla quale, nella pienezza dei tempi, sarebbe nato in questo mondo” Papa Pio IX proclama. Riconoscendo il ruolo importante che svolge nella storia della salvezza, è giusto che sia immacolata e preservata dal peccato.

Ma per comprendere meglio quel ruolo, dobbiamo tornare all'inizio, quando è avvenuto il primo peccato. In Genesi 3:15, dopo la caduta dei nostri progenitori dalla grazia, Dio dice al serpente: «Io porrò inimicizia tra te e la donna, e tra la tua discendenza e la sua; ti schiacceranno la testa, mentre tu colpirai il loro calcagno».

Oggi vediamo spesso raffigurazioni del piede di Maria che schiaccia la testa di un serpente, a significare la sua partecipazione alla vittoria di Cristo su Satana. Tale vittoria sarebbe offuscata se Maria non fosse stata preservata dal peccato originale. Se così non fosse, allora in una certa misura sarebbe stata sotto il dominio e l'influenza di Satana. Invece, Dio decretò che dal primo istante del suo concepimento, Maria avrebbe combattuto con il Maligno.

Mentre Adamo ed Eva sono caduti nella trappola di Satana, chiudendo le porte del paradiso, Maria (la nuova Eva), per il potere divino di Gesù (il nuovo Adamo), affronta il temuto nemico. Dopo che il nemico è stato sconfitto, si unisce a Cristo nell'aprire le porte del paradiso, dove regna come Regina.

Solo quattro anni dopo il decreto di papa Pio IX, Maria stessa confermò il dogma. Nel 1858, la Madonna apparve a Lourdes a una giovane ragazza di nome Bernadette Soubirous. Dopo che Bernadette ha chiesto alla bella signora il suo nome, la Madonna ha risposto: "Io sono l'Immacolata Concezione".

*Il termine Immacolata Concezione si riferisce al concepimento di Maria nel grembo di Sant'Anna, non al concepimento di Gesù nel grembo di Maria.