Angelic Warfare West

Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.

Matteo 5:8

Logo Icon Flame Parchment

Promuovere la castità e la purezza del cuore

Angelic Warfare West è una divisione della Confraternita della Guerra Angelica, una confraternita di uomini e donne legati l'uno all'altro nell'amore e nella preghiera, dediti al perseguimento della castità sotto il patrocinio di San Tommaso d'Aquino e della Beata Vergine Maria.

Cos'è una confraternita?

Una confraternita è un'associazione ufficialmente costituita dalla Chiesa cattolica, organizzata attorno a qualche opera spirituale o evangelistica. Può essere composto da laici, uomini e donne, religiosi o chierici, o una combinazione di questi. Storicamente c'è stata una varietà di tipi di tali associazioni - i termini più antichi usati erano "pie unioni" o "associazioni". Il Codice di diritto canonico (1983) riunisce tutte queste associazioni sotto un unico ombrello, dove i membri «si sforzano in comune sforzo di favorire una vita più perfetta, di promuovere il culto pubblico o la dottrina cristiana, o di esercitare altre opere... come iniziative di evangelizzazione, opere di pietà o carità, e quelle che animano di spirito cristiano l'ordine temporale» (CIC 298).

Cos'è la Confraternita della Guerra Angelica?

Sebbene le sue radici risalgano al tardo medioevo, la Confraternita della Guerra Angelica fu ufficialmente istituita da Papa Benedetto XIII nel 1727, e posta sotto la direzione del Maestro Generale dell'Ordine dei Predicatori. I suoi membri si dedicano a vivere e promuovere la virtù della castità nel mondo. Per diventare Socio è necessario essere iscritti ad un albo ufficiale tenuto dall'Ordine. Tali registri sono generalmente collegati alle case domenicane, o case che tengono un registro per una data regione.

Contatta il Promotore della Confraternita della Guerra Angelica: awc@opwest.org

1. Ordina un pacchetto di abbonamento

Puoi ordinare il tuo pacchetto di abbonamento da Nuove pubblicazioni di speranza. Assicurati di specificare in quale stato degli Stati Uniti sarai inserito nella confraternita in. (Ciò influisce sul modulo di iscrizione che New Hope ti invierà per assicurarti di essere iscritto al registro ufficiale della tua regione.)

2. Rivedere tutto il materiale del pacchetto

Assicurati di rivedere tutto il materiale catechetico e informativo nel pacchetto.

3. Comprendere gli impegni

Assicurati di aver compreso gli impegni della confraternita:

  • Indossare perennemente il cordone o la medaglia
  • Preghiere quotidiane per la purezza, incluse 15 Ave Maria
  • Risoluzione per condurre una vita casta
  • Impegno a pregare per gli altri della confraternita

4. Iscrizione alla Cerimonia di Ricevimento Solenne

Trova un prete dominicano per iscriverti alla cerimonia del ricevimento solenne, che trovi nel libretto nel pacchetto di adesione. Se non c'è nessun sacerdote domenicano vicino a te, trova un sacerdote disposto a fare la cerimonia e chiedigli di ottenere una delegazione dal direttore della tua regione.

Provincia del Santissimo Nome di Gesù (California, Oregon, Washington, Idaho, Montana, Nevada, Utah, Arizona, Alaska, Hawaii)

Provincia di Sant'Alberto Magno (Wyoming, Colorado, New Mexico, North Dakota, South Dakota, Nebraska, Kansas, Minnesota, Iowa, Missouri, Wisconsin, Illinois, Indiana, Michigan)

Provincia di San Giuseppe (Maine, New Hampshire, Vermont, Massachusetts, Rhode Island, Connecticut, New York, New Jersey, Pennsylvania, Delaware, Maryland, Virginia, West Virginia, Ohio, Kentucky, Washington DC)

Provincia di San Martino di Porres (Texas, Oklahoma, Arkansas, Tennessee, Louisiana, Mississippi, Alabama, Georgia, Florida, Carolina del Nord, Carolina del Sud)

5. Compila il modulo di iscrizione

Dopo la cerimonia di iscrizione, compila il modulo di iscrizione (dal plico) e invialo all'indirizzo appropriato. Se nel tuo pacchetto manca il modulo di iscrizione Western puoi scaricarlo qui sotto.

La Confessione di San Tommaso d'Aquino

Alla fine della sua straordinaria vita, San Tommaso d'Aquino fece quella che viene chiamata una "confessione generale" - rivedendo tutta la sua vita a un sacerdote. GK Chesterton racconta l'incidente: "Il confessore, che era stato con lui nella camera interna, corse fuori come impaurito, e sussurrò che la sua confessione era quella di un bambino di cinque anni".

Il confessore di Tommaso d'Aquino sperimentò ciò che numerose anime vennero a realizzare durante e dopo la vita del santo: qui c'era un uomo dotato non solo di uno degli intelletti più profondi della storia, ma anche di uno stile di vita che irradiava innocenza e purezza infantili. Papa Leone XIII affermò infatti che il titolo di Dottore Angelico deriva "non meno dal suo genio che dalla sua innocenza".

Come tutto è cominciato

La Confraternita della Guerra Angelica nasce da un particolare episodio della vita del santo. Dopo aver deciso di diventare domenicano all'età di 19 anni, la sua nobile famiglia fu angosciata dalla decisione, desiderando fortemente che lui rimanesse più vicino a casa e diventasse un rispettato abate del monastero benedettino locale. Tommaso d'Aquino rimase fermo nella sua decisione e chiese che i suoi superiori lo trasferissero a Parigi dove potesse essere libero dall'influenza e dalla pressione della sua famiglia.

Sulla strada per Parigi, sua madre mandò due dei suoi fratelli ad intercettarlo, cosa che fecero con la forza, chiudendolo infine in un castello. Dopo che i continui sforzi di persuasione da parte della madre e delle sorelle non ebbero alcun effetto, i suoi fratelli escogitarono un complotto malvagio: introdussero una cortigiana (una donna di cattiva reputazione), nella sua cella per cercare di dissuaderlo dalla sua vocazione.

Il giovane Tommaso afferrò immediatamente un tizzone ardente dal fuoco, cacciò la donna e sbatté la porta decorandola con una croce. Immediatamente si inginocchiò e ringraziò Dio per aver preservato la sua castità, pregando che questo dono durasse. Poi cadde in una specie di sonno mistico, e due angeli gli diedero una corda che indossò fino al giorno della sua morte. Alla fine riferì la sua esistenza e l'intero episodio al suo confessore in punto di morte.

I primi giorni

Prima nei monasteri, poi tra i fedeli, si sviluppò l'usanza di portare una corda sotto il patrocinio di san Tommaso come segno speciale della propria determinazione a mantenere una vita casta. Nel 1500 questa pratica divenne più generale, quando le monache del convento di S. Margherita a Vercelli — cui era stato affidato il cordone di Tommaso d'Aquino — iniziarono a distribuire ai fedeli corde che erano state toccate al cordone miracoloso. La pratica divenne particolarmente popolare tra gli studenti universitari che cercavano aiuto per resistere alle tentazioni della vita universitaria.

FR. Deurwerders è il domenicano generalmente accreditato di aver fondato la prima Society of Angelic Warfare. Nel 1649 si recò in pellegrinaggio a Vercelli e raccolse tutte le informazioni che poté sulla devozione attorno al cordone. Tornò poi all'Università cattolica di Lovanio e, con il permesso del vescovo locale, organizzò una solenne messa solenne, dopo la quale il preside della facoltà si prostrò per ricevere la corda. Poi, a due a due, tutti i professori e gli studenti della facoltà di teologia fecero lo stesso. Migliaia di anime divennero membri della confraternita in quel primo giorno, una sorta di nuova Pentecoste ordinata a consolidare la vita casta in un mondo caotico.

Approvazione ufficiale

Papa Benedetto XIII diede alla confraternita l'approvazione ecclesiale ufficiale nel 1727, e numerose anime, anche sante, sono entrate negli anni in questa confraternita. San Luigi, San Giovanni Calasanzio e il beato Pier Giorgio Frassati sono solo alcuni esempi. Pio XI in Studiorum Ducem (1923) diede una delle più recenti esortazioni pontificie, scrivendo che «visto che vediamo la maggior parte dei giovani impigliati nelle sabbie mobili della passione, gettare a mare la santa purezza e abbandonarsi ai piaceri sensuali, vi esortiamo a propagare ovunque... la società di Angelic Warfare, fondata sotto il patrocinio di Tommaso per la conservazione e il mantenimento della santa castità”.

Benedetto concesse anche il permesso di indossare, al posto del tradizionale cordone, una medaglia incisa da un lato con l'immagine della Madonna del Rosario, e dall'altro con San Tommaso cinto dagli angeli. Varie indulgenze sono state annesse all'appartenenza e alle sue pratiche.

La Confraternita in tempi moderni

Non è un caso che la devozione del cordone sia sorta nella Chiesa proprio quando l'Europa e la civiltà cristiana stavano diventando più influenti, urbanizzate e commerciali. Le città medievali in cui i domenicani originari furono inviati a predicare tendevano ad essere focolai di intrighi politici, fermento economico e tentazione morale e vizio. Anche la nostra epoca - molto più sviluppata tecnologicamente e commercialmente di quanto qualsiasi medievale avrebbe potuto immaginare - è sembrata provare un piacere speciale nel gettare alle ortiche la morale tradizionale, specialmente nell'area della castità.

La nota rivoluzione sessuale degli anni Sessanta ha seminato una diffusa confusione nelle relazioni, nei matrimoni e nello sviluppo sociale e morale dei giovani. I figli e le figlie della Chiesa oggi, non meno che nelle epoche precedenti, hanno bisogno di ogni aiuto possibile per condurre una vita forte e casta. La Confraternita della Guerra Angelica continua ad offrire tale aiuto sotto il potente patrocinio di San Tommaso d'Aquino.

Preghiere e Osservanze della Confraternita

I membri della confraternita si impegnano per il resto della loro vita alle seguenti osservanze:

1. Perpetuo indossando il cordone benedetto o la medaglia

La prudenza governa particolari momenti in cui può essere temporaneamente rimossa, ad esempio eventi sportivi di vario genere, interventi chirurgici, momenti intimi di matrimonio, ecc.

2. Preghiere quotidiane per la purezza.

  • 15 Ave Maria per sé e per gli altri membri, con l'intenzione di vivere una vita più casta. Si può includere l'Ave Maria nel proprio Rosario quotidiano. Un'antica pratica era quella di dedicare ogni Ave Maria alla purificazione delle varie facoltà dell'anima: i cinque sensi, la memoria, l'immaginazione, l'intelletto, la volontà, ecc. Il pacchetto della Confraternita della Guerra Angelica descrive come una versione di questo può essere fatta oggi.
  • Preghiera per la purezza di San Tommaso d'Aquino: Caro Gesù, so che ogni dono perfetto, e specialmente quello della castità, dipende dalla potenza della tua provvidenza, e senza di te una semplice creatura non può nulla. Perciò ti prego di difendere con la tua grazia la castità e la purezza del mio corpo e della mia anima. E se mai ho immaginato o sentito qualcosa che potrebbe macchiare la mia castità o purezza, cancellalo, Signore Supremo dei miei poteri, affinché io possa avanzare con un cuore puro nel tuo amore e servizio; offrendomi sull'altare più puro della tua divinità, tutti i giorni della mia vita. Amen.
  • Preghiera a San Tommaso d'Aquino per la purezza: Giglio prescelto dell'innocenza, santo puro. Tommaso, che mantenne casta la veste del battesimo e si fece angelo nella carne dopo essere stato cinto da due angeli, ti supplico di raccomandarmi a Gesù, l'Agnello immacolato, ea Maria, la Regina delle Vergini. Dolce protettore della mia purezza, chiedi loro che io, che porto il segno santo della tua vittoria sulla carne, possa condividere anche la tua purezza e, dopo averti imitato sulla terra, possa finalmente venire con te incoronato tra gli angeli. Amen.

3. Impegno a vivere una vita casta ea pregare per gli altri membri della confraternita.

I Papi hanno messo a disposizione dei membri della Confraternita speciali indulgenze. L'indulgenza plenaria può essere ottenuta: nel giorno dell'iscrizione; e ogni anno nelle feste di San Tommaso d'Aquino (28 gennaio), dell'Annunciazione (25 marzo), della domenica di Pasqua, dell'Assunzione della Beata Vergine Maria (15 agosto), di Ognissanti (1 novembre) e di Natale (dicembre 25).

L'indulgenza plenaria rimette tutte le sofferenze temporali dovute al peccato perdonato alle seguenti condizioni: (a) ricezione della Santa Comunione e penitenza sacramentale negli otto giorni precedenti o successivi al giorno; (b) pregare per le intenzioni del Santo Padre - tipicamente un Padre Nostro, Ave Maria e Gloria; (c) distacco dal peccato e reimpegno a vivere secondo le osservanze della Confraternita.

"Ma il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, dominio di sé; contro questi non c'è legge."

- Gal 5.22-25

Adamo ed Eva di Lucas Cranach. Foto di Jim Forest. Foto utilizzata con licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.0 Generico (CC BY-NC-ND 2.0)

La storia della creazione della Genesi ci insegna che tutti gli esseri umani sono un'unità di corpo e anima, materia e spirito, "terra" e "cielo" (Gen. 2,7). I nostri corpi condividono la sorte comune a tutti gli animali che Dio ha creato: sperimentiamo il mondo attraverso i nostri sensi; siamo facilmente stimolati da sentimenti di piacere ed euforia e feriti dal dolore e dalla delusione; e ognuno di noi sperimenta un desiderio per il cibo e il sesso, istinti che Dio ha posto in noi per la nostra sopravvivenza come individui e come specie. Nel Giardino dell'Eden, tutta questa vita sensoriale ed emotiva era in perfetta armonia con la percezione della mente di ciò che era buono agli occhi e al piano di Dio. Quando il peccato è entrato nel mondo alla Caduta, tuttavia, una presenza oscura ha invaso il cosmo, rompendo il rapporto dell'uomo con Dio, indebolendo la sua capacità di vedere ciò che è buono e amarlo, e introducendo dubbio, paura e disarmonia nella sua vita.

La virtù della castità è una delle tante virtù che ristabilisce quell'armonia interiore che possedevano i nostri progenitori e che Dio desidera rinnovare in noi. Il Catechismo della Chiesa Cattolica definisce la castità come "l'integrazione riuscita della sessualità nella persona e quindi l'unità interiore dell'uomo nel suo essere corporeo e spirituale". Questa unità del corpo e dello spirito porta il frutto meraviglioso della pace e dell'autocontrollo, reso possibile dall'azione della grazia di Dio estesa a noi nella Croce di Cristo.

Il mondo di oggi presenta sfide alla castità a un livello forse mai visto prima nella storia umana. Dalla frenesia frenetica della vita moderna, che può mettere a dura prova i rapporti, produrre occasioni di apparente anonimato, e provocare solitudine; agli standard di decenza apparentemente sempre più bassi alimentati da una cultura dei media che disprezza i valori religiosi; alla pronta disponibilità della pornografia online: molti oggi si trovano a lottare per vivere una vita casta come se nuotassero contro un maremoto di correnti che vanno nella direzione opposta.

La Confraternita Angelic Warfare testimonia che c'è speranza, grazia e rinnovamento sempre a portata di mano: che la misericordia di Dio non può mai esaurirsi e continua a chiamare ogni cristiano a vivere una vita sana, pura e gioiosa davanti al nostro Dio e Salvatore.

Essendo la castità una virtù tra le tante, essa si radica nello stesso suolo che alimenta le altre virtù. Le risorse sottostanti, quindi, trattano vari elementi che aiutano la castità: abitudini fondamentali per la vita spirituale; catechesi sulle virtù, e sulla castità in particolare; come uno stile di vita equilibrato contribuisce alla salute psicologica ed emotiva; risorse per superare compulsioni e dipendenze dalla pornografia.

È la speranza e la preghiera di Angelic Warfare West che tu possa essere rafforzato nelle tue intenzioni di vivere la castità, di vivere e scoprire la pace che viene camminando "nello Spirito", e così impari veramente la forza e la pace che scaturiscono da castità, crescendo nella persona che Cristo desidera che tu sia.

Serie di video catechesi

Pura Verità: Rafforzare il Corpo