Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Il potere del Rosario

La Beata Vergine Maria svolge un ruolo importante nella storia della salvezza. Ha dato alla luce il Salvatore del mondo, e poiché era così strettamente unita a Gesù nella sua vita e morte, le è stato dato anche il privilegio di partecipare al trionfo di Cristo su Satana. In questo, diventa un esempio per tutti i cristiani, ricordandoci che dobbiamo schiacciare l'antico serpente sotto i nostri piedi.

Ciò diventa molto chiaro nell'immagine della Madonna di Guadalupe, che mostra Maria vestita di un bel mantello; le stelle nello schema lo stesso delle costellazioni nel cielo quando apparve a San Juan Diego nel 1531. Sebbene il suo manto sia turchese (segno di regalità), guarda in basso con umiltà, con le mani giunte in preghiera sopra un buio nastro intorno alla sua vita (un simbolo di gravidanza), mentre si trova in cima a una falce di luna (un riferimento ad Apocalisse 12:1).

Quello che la maggior parte delle persone non nota è la testa del serpente ai piedi di Maria tra le pieghe del suo vestito. Sebbene diciamo "Guadalupe", la parola usata da San Juan Diego per descrivere Maria era "Coatlaxopeuh" che significa "colei che schiaccia il serpente".

Papa Pio XI una volta disse che "il rosario è un'arma potente per mettere in fuga i demoni e per preservarsi dal peccato... Se desiderate la pace nei vostri cuori, nelle vostre case e nel vostro Paese, riunitevi ogni sera per recitare il Rosario ... Non passi nemmeno un giorno senza dirlo, non importa quanto tu possa essere gravato da molte preoccupazioni e fatiche”. Le sue parole parlano di una verità che la Chiesa ha riconosciuto da secoli. Oltre a benedirci con gioia e pace, la Madonna ci protegge anche dal male. Il diavolo e i suoi demoni tremano davanti a lei. Non potevano tentarla al peccato, e sanno quale potente intercessore è lei, chiamandoci alla conversione e al ritorno al Signore.

Questa intercessione e protezione è ciò che si spera quando si prega il rosario. Confidiamo che Cristo non si allontanerà da sua madre quando lei lo guarda con occhi amorevoli e implora misericordia per noi.

“Nei pericoli, nei dubbi, nelle difficoltà, pensate a Maria, invocate Maria”, nota san Bernardo di Chiaravalle. “Mentre la invocherete, non vi perderete mai d'animo; finché lei è nella tua mente, sei al sicuro dall'inganno; mentre lei ti tiene per mano, non puoi cadere; sotto la sua protezione non hai nulla da temere; se cammina davanti a te, non ti stancherai; se ti mostra favore, raggiungerai la meta». Questo obiettivo, ovviamente, è suo Figlio, Gesù Cristo.

L'arcivescovo Fulton Sheen sapeva che uno dei modi più profondi per trovare Cristo è nel rosario. Più che un mantra, ogni mistero ci permette di riflettere sul messaggio del Vangelo, momenti cardine della vita di Gesù e di sua madre. “Il rosario è il libro dei ciechi”, dice, “dove le anime vedono e lì recitano il più grande dramma d'amore che il mondo abbia mai conosciuto; è il libro dei semplici, che li inizia ai misteri e alle conoscenze più soddisfacenti dell'educazione degli altri uomini; è il libro dei vecchi, i cui occhi si chiudono sull'ombra di questo mondo e si aprono sulla sostanza del prossimo. Il potere del rosario è indescrivibile”.