Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

Predicare come San Paolo

Di recente, in una delle mie lezioni di Scrittura, abbiamo affrontato le somiglianze e le differenze tra San Paolo ei filosofi greci. I filosofi del suo tempo (stoici e cinici, per esempio) incontravano spesso il loro pubblico in luoghi privati ​​e semi-privati ​​e parlavano loro di come vivere bene. Ciò includeva convincerli della necessità di riformare le loro vite e di come farlo. Gli Stoici credevano che l'ignoranza di ciò che è bene è l'unica fonte di male in una persona; sostenevano che le persone fanno cose cattive solo perché non sanno niente di meglio. L'istruzione, pensavano, avrebbe curato le persone dai loro vizi. I cinici credevano che le persone scegliessero di essere cattive anche se venivano educate su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, e quindi avevano bisogno di essere fortemente esortate e disciplinate in modo duro e coerente per ottenere risultati positivi nelle loro vite. Inoltre, in entrambi i gruppi, ci si aspettava che il filosofo fosse l'esempio esemplare e preminente di una vita ben vissuta e virtuosa.

In molti modi, Paolo sarebbe sembrato uno stoico o un cinico al suo pubblico a Tessalonica o Corinto. Probabilmente ha usato un formato simile ai loro incontri semi-privati. Nelle sue lettere usò persino le stesse "parole ronzanti" dei filosofi del suo tempo, come "conversione" per gli stoici, o l'uso delle sue parole dure a volte come i cinici ("Stupidi galati!"). Ha anche fatto appello alla testimonianza della propria vita come veramente vivendo ciò che chiamava a vivere i suoi ascoltatori.

Tuttavia, come apostolo, Paolo sentiva di essere stato incaricato da Dio di dare il Vangelo ad altri e che questa "buona notizia" non era sua, ma apparteneva a un altro, cioè a Dio. Inoltre, sottolinea che non è venuto per pronunciare discorsi intelligenti, ma piuttosto il messaggio che Gesù ha portato loro la potenza di Dio sotto forma di salvezza. A differenza degli stoici o dei cinici, sapeva che il male non può essere sradicato solo dalla conoscenza o dalla disciplina, ma solo attraverso Gesù. Per questo si definisce padre (che è fermo ma amorevole) e madre (consolatrice e paziente) per i suoi ascoltatori. Inoltre, a differenza dei filosofi, Paolo è venuto come rappresentante di qualcosa e qualcuno che è molto più grande di lui. Si lascia solo “gonfiare” dalla consapevolezza di essere in Cristo, e Cristo è in Dio. Paolo rimprovera persino i Corinzi per aver cercato di formare alleanze con l'uno o l'altro apostolo, come se fossero filosofi in competizione:

Quello che voglio dire è che ognuno di voi dice: "Io appartengo a Paolo", o "Io appartengo ad Apollo", o "Io appartengo a Cefa", o "Io appartengo a Cristo". Cristo è diviso? Paolo è stato crocifisso per te? O sei stato battezzato nel nome di Paolo? (1 Corinzi 1:12-13).

Noi, come cristiani, siamo chiamati a imitare questo grande apostolo quando condividiamo Cristo con gli altri: incontrare i non cristiani in modi che possano comprendere, offrendo sempre Gesù, e mai noi stessi. Inoltre, il modo in cui viviamo la nostra vita è la prima testimonianza della validità del Vangelo. E infine, dobbiamo essere sempre fermi e impenitenti nella nostra fede e nelle nostre convinzioni come san Paolo, mentre allo stesso tempo dobbiamo essere gentili e amorevoli.


fr. Crisostomo Mijinke, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI