Sostieni i nostri fratelli studenti donando a domenica del rosario

Studio sacro in tempo di isolamento

In tutto il mondo le persone sono in isolamento, confinate nelle loro case, con le loro vite sospese fino alla fine della pandemia di COVID-19. Insieme alla malattia fisica che ha causato questo blocco senza precedenti, le persone sono anche suscettibili a diverse malattie spirituali causate dall'esperienza dell'isolamento.

Una delle malattie spirituali che può affliggere le persone durante l'isolamento prolungato è la noia. Quando siamo annoiati, diventiamo insoddisfatti dei diversi beni a nostra disposizione e diventiamo irrequieti. Non sappiamo cosa fare perché sperimentiamo che tutto non offra soddisfazioni sufficienti.

La tradizione domenicana dello studio sacro fornisce un antidoto alla noia. A differenza di altri ordini religiosi, come i Benedettini, che tradizionalmente si dedicano al lavoro manuale quotidiano, il frate domenicano si dedica allo studio quotidiano. Il Libro delle Costituzioni e Ordinazioni dei Frati dell'Ordine dei Predicatori, il nostro documento di governo, istruisce i fratelli ad essere “assidui nello studio”.

Come potrebbe lo studio far parte dell'osservanza religiosa di un frate domenicano? Studiamo come parte della nostra vita contemplativa perché non possiamo amare ciò che non conosciamo. Come insegna il nostro fratello san Tommaso d'Aquino, l'amore deriva dalla comprensione del bene (ST I-II, Q. 26, A.1). In quanto creature razionali, l'amore intellettuale costituisce la forma d'amore a noi più propria; per natura amiamo la verità e vogliamo conoscere la verità. Quando scopriamo la verità, la amiamo e ne godiamo. Più alta e importante è la verità, più vogliamo conoscerla, più la amiamo quando la troviamo e più ci rallegriamo nel vederla.

Ora, le verità più grandi sono le verità che riguardano Dio e le opere di Dio, perché queste sono le realtà più fondamentali e ultime. Come creature razionali, desideriamo conoscere Dio attraverso le cose create. Tuttavia, Dio ci ha dato una rivelazione di Sé stesso, una rivelazione che supera di gran lunga ciò che Dio ha manifestato di Sé attraverso l'ordine creato. Rispondiamo a questa rivelazione con l'assenso di fede e cerchiamo di comprendere sempre di più questa rivelazione. Studiamo fedelmente la rivelazione per capire di più su Dio; ci impegniamo nell'opera della fede cercando la comprensione (fides quaerens intellectum.)

Attraverso lo studio fedele della rivelazione divina, come ci viene presentata nella Sacra Scrittura e nella Sacra Tradizione, cominciamo a conoscere più profondamente la bontà di Dio e le grandi cose che ha fatto per noi. Il nostro amore per Dio cresce man mano che arriviamo a conoscere Dio sempre di più. Sfortunatamente, non possiamo vedere Dio faccia a faccia in questa vita. Tuttavia, la fede ci fornisce già una partecipazione imperfetta a quella visione faccia a faccia a venire. La fede, infatti, ci offre una partecipazione alla perfetta conoscenza che Dio ha di se stesso, che Egli ci rivela attraverso la Sacra Scrittura e la Tradizione.

Attraverso lo studio sacro, abbiamo accesso alla bontà di Dio che è tutt'altro che noiosa. Dovremmo dedicare un po' di tempo in isolamento allo studio della rivelazione divina.