Con l'inizio della stagione delle tasse, fai clic qui per accedere alla tua cronologia delle donazioni.

La Cattedra di San Pietro

Avvicinandosi alla festa della Cattedra di San Pietro, vale la pena riflettere su cosa sia e cosa non sia l'infallibilità papale. La gente spesso pensa che questa dottrina implichi che i cattolici credano che il papa sia impeccabile, riceva l'ispirazione divina o che tutto ciò che dice sia infallibile. Tuttavia, il Concilio Vaticano I, che ha definito questo dogma, ha insegnato che il papa parla infallibilmente solo quando «parla ex cathedra [dalla cattedra] — cioè, quando nell'esercizio del suo ufficio di pastore e maestro di tutti i cristiani definisce... dottrine di fede e di morale; di conseguenza... tali definizioni del Romano Pontefice sono irriformabili per loro stessa natura”. (Denzinger n. 1839) Due degli esempi più famosi di questo magistero sono le dichiarazioni dogmatiche riguardanti l'Immacolata Concezione di Maria e l'Assunzione di Maria. Inoltre, affinché l'infallibilità papale si applichi, il papa deve chiarire che intende “pronunciare, dichiarare e definire” l'insegnamento come dogmatico. Mentre un dato documento papale – un'enciclica papale, per esempio – ha autorità magisteriale, e i fedeli sono chiamati a dare un assenso esterno agli insegnamenti in esso contenuti, il documento non è necessariamente infallibile. Allo stesso modo, nel suo libro Gesù di Nazareth, Papa Benedetto XVI fa di tutto per dire che scriveva come teologo privato e non con autorità magisteriale.

Crediamo che quando il Papa parla ex cathedra lo Spirito Santo lo guiderà a parlare senza errori mentre fa la dichiarazione. Perciò insegnerà secondo la fede che ha ricevuto dalle Sacre Scritture e dalla Sacra Tradizione della Chiesa. In realtà, l'infallibilità papale limita il potere di un dato papa. Una volta che un dogma è stato definito da un papa o da un concilio ecclesiastico, i pontefici successivi non hanno l'autorità di annullare gli insegnamenti che hanno ricevuto. Questi limiti forniscono una struttura e una tradizione viva che aiuta veramente il papa ad agire come servus servorum Dei (il servo dei servi di Dio).

Mentre papa Francesco continua a svolgere il ministero dell'apostolo Pietro, preghiamo perché sia ​​la roccia che le porte dell'Inferno non potranno mai superare.


fr. Matthew Heynen, OP | Incontra i Fratelli Studenti in Formazione QUI